Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Orientamento universitario (134397)

on . Postato in Adolescenza | Letto 182 volte

Gaia 21

Salve, sono una ragazza di 21 anni, ho appena lasciato gli studi in giurisprudenza perchè non era la facoltà adatta a me, ed è stata una scelta molto sofferta in quanto sono andata in contro alla disapprovazione dei miei genitori e anche a livello personale vissuta come una sconfitta. Il mio obbiettivo è trovare la facoltà giusta per me, ma il problema sta nell individuare i criteri da usare nella scelta, ad esempio se basarmi sull'interesse delle materie o sugli sbocchi professionali, che molto spesso sono discordanti. L'unica cosa che posso dire è che preferisco le materie umanistiche a quelle scientifiche, ma se devo andare più nello specifico non saprei cosa scegliere, vorrei riuscire a capire cosa voglio fare nella vita ma non so da dove iniziare per scoprirlo. Inoltre avendo già sbagliato una volta ho anche il timore di perdermi di nuovo e sbagliare ancora, vorrei risolvere questo problema una volta per tutte ed essere soddisfatta della mia scelta. Grazie per l attenzione. Gaia.

Cara Gaia, capisco tutto lo sconcerto e la paura che si agitano in lei! A 20 anni, capire cosa si vuol fare della propria vita, è una questione importante e angosciante. Spesso l’ambiente in cui si è immessi, compreso la scuola, non aiutano a comprendere chi siamo e ciò che desideriamo, per cui si è soli di fronte ad una scelta così importante. E. Erikson proponeva dopo il diploma, un periodo di moratoria psicosociale, un tempo in cui il ragazzo è libero di viaggiare, fare le esperienze più disparate, in modo molto libero, senza obbiettivi, solo per il gusto di sperimentare. La moratoria psicosociale, rappresenta una condizione priva di conflitti, che poi permetta di capire e scegliere sulla base di quanto si è vissuto in prima persona, sulla scia di un proprio sentire. Purtroppo non è sempre facile concedersi degli spazi e dei tempi così importanti. Questo concetto però ci deve servire a comprendere che non si può scegliere con il fiato sul collo, che non si può pressare e anticipare qualcosa che non è maturo. Forse può concedersi un breve momento dove sospende la decisione e si permette di vivere con maggiore leggerezza, quella che del resto dovrebbe sentire dopo aver tagliato con qualcosa che non le apparteneva. Intanto si viva queste sensazioni, lasci che l’attraversino. Lasci andare il senso di colpa e di fallimento, non aiutano e non hanno senso. Allontanarsi per un po’ dal problema inoltre, aiuta perché ci permette di vederlo dall’esterno, quindi con un minor carico emotivo e più chiaramente, permettendo quindi una scelta libera da conflitti. Si ricordi che gli errori hanno il grande valore di insegnarci molte cose e lei può prendere questa sua esperienza, per comprendere meglio sé stessa e ciò che più si avvicina alla sua natura. Nessuno sa in partenza ciò che è giusto o sbagliato per lui, è una condizione che si acquisisce sperimentando e poi sperimentando ancora. Il cambiamento, è sempre presente nella nostra vita, è inevitabile e auspicabile: è vita! E’ inevitabile che ci si ponga delle domande e che si senta un’instabilità, un’incertezza, tipica del nuovo, ma tutto ciò deve essere vissuto per ciò che è. Nessuna scelta è immodificabile, né eterna, è solo un’opportunità. Per quanto concerne la scelta nello specifico, gli studi, dovrebbe prima di tutto decidere se vuol prendere la strada della passione o dell’utilità. Vuol decidere per un percorso che le piace o per un percorso che le farà ottenere più facilmente un lavoro? Questa è già una prima scelta importante, che dipende solo da lei e da quale tipo di compromesso è disposta ad accettare, da ciò a cui è risposta a rinunciare. Perché quando si sceglie, si guadagna qualcosa e si rinuncia a qualcos’altro. E’ un percorso inevitabile. Se dovesse optare per ciò che le piace, deve ancora capire se c’è un lavoro che le piacere svolgere o se semplicemente le piace formarsi in alcuni ambiti o materie per sé stessa, per una sua formazione o per un interesse personale, indipendentemente da quale attività andrà a svolgere nella vita futura. Non ci sono scelte giuste o sbagliate, ma solo condizioni che le si addicono di più o di meno. Inoltre, nonostante si possa comprendere la preoccupazione dei suoi genitori, le loro ansie, non devono poi interferire nella sua vita e nelle sue scelte, che è sono solo sue. E’ importante che si senta libera di decidere e di essere. In linea generale, il proprio sentire, l’istinto, ci aiutano sempre molto ad andare in direzione di ciò che siamo. Quando si fa ciò per cui si è portanti, ciò che ci appassiona, allora tutto diventa più facile, ogni sacrificio richiesto, è vissuto come lecito, perché ripagato da un piacere di ciò che si sta facendo. Per cui cara Gaia, si fidi di sé e del proprio sentire. La leggerezza aiuta a percepirsi e a scegliere, si tuffi semplicemente nella vita.

(Risponde la Dott.ssa Sabrina Costantini)

Pubblicato in data 24/06/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotato ...

News Letters