Pubblicità

Paranoia, mancanza di autostima, ansia, depressione e angoscia (116325)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 1354 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanni 19

Buongiorno,ho deciso di rivolgermi a questo servizio, dato che non me la sentirei proprio di andare da uno psicologo nella vita reale.... sara' per orgoglio, per vergogna o per timore di giudizi da parte della famiglia o degli amici. Comunque le spiego: sono un tipo molto paranoico, mi faccio le paranoie piu impossibili e immaginabili per esempio, ho un sopracciglio leggermente più alto rispetto all' altro, magari so anche che la gente non ci pensa minimamente a questo perche' e' una gran cavolata, ma io per questo mi faccio tantissime paranoie. Quando parlo con la gente capita spesso che mi tormento sulla posizione del sopracciglio e faccio di tutto per tenerli alla pari. Cioè lo so che e' da ridere... che e' assurdo, ma e' così! Poi molte volte rinuncio al ridere, perche' penso che quando rido sono piu' brutto, ma non perche' abbia dei denti brutti, anzi mi ritengo fortunato, ma nonostante questo mi faccio comunque paranoie. Poi mi capita spesso che vorrei uscire dal mio corpo per potermi guardare dall esterno, per poter vedere come appaia agli occhi della gente. Poi ho davvero poca fiducia in me stesso, ma davvero poca; capita spesso che me ne vado in depressione per questo. Inoltre la cosa brutta e' che io ormai prendo sicurezza, mi sento sicuro e senza problemi, solo dopo che bevo e non si tratta solo di maggior sicurezza in me stesso, ma anche di maggior divertimento e voglia di comunicare con gli altri. Questa cosa non mi piace perchè vorrei essere così anche senza assumere dell alcool! Per favore mi faccia sapere cosa ne pensa, grazie mille.

Caro Giovanni, la tua è un'età particolare dove la soddisfazione/insoddisfazione per il proprio aspetto fisico ricopre un ruolo assolutamente importante e predominante. In te convivono differenti aspetti, modalità di pensiero e di comportamento che, in qualche modo, ti creano un disagio significativo. Questa risposta vuole essere un invito a mettere da parte l'orgoglio, la paura del giudizio o la vergogna e di rivolgerti ad uno specialista che potrà aiutarti a superare queste difficoltà. Sinceri saluti.

(risponde il Dott. Davide Viola)

Pubblicato in data 28/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Coppia terapeutica (1556664446…

Giulia, 40     Salve, sono bipolare borderline seguita da oltre 20 anni da psichiatri e psicoterapeuti. Vorrei sottoporre alla vostra attenzion...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters

0
condivisioni