Pubblicità

Paranoia, mancanza di autostima, ansia, depressione e angoscia (116325)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 1130 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanni 19

Buongiorno,ho deciso di rivolgermi a questo servizio, dato che non me la sentirei proprio di andare da uno psicologo nella vita reale.... sara' per orgoglio, per vergogna o per timore di giudizi da parte della famiglia o degli amici. Comunque le spiego: sono un tipo molto paranoico, mi faccio le paranoie piu impossibili e immaginabili per esempio, ho un sopracciglio leggermente più alto rispetto all' altro, magari so anche che la gente non ci pensa minimamente a questo perche' e' una gran cavolata, ma io per questo mi faccio tantissime paranoie. Quando parlo con la gente capita spesso che mi tormento sulla posizione del sopracciglio e faccio di tutto per tenerli alla pari. Cioè lo so che e' da ridere... che e' assurdo, ma e' così! Poi molte volte rinuncio al ridere, perche' penso che quando rido sono piu' brutto, ma non perche' abbia dei denti brutti, anzi mi ritengo fortunato, ma nonostante questo mi faccio comunque paranoie. Poi mi capita spesso che vorrei uscire dal mio corpo per potermi guardare dall esterno, per poter vedere come appaia agli occhi della gente. Poi ho davvero poca fiducia in me stesso, ma davvero poca; capita spesso che me ne vado in depressione per questo. Inoltre la cosa brutta e' che io ormai prendo sicurezza, mi sento sicuro e senza problemi, solo dopo che bevo e non si tratta solo di maggior sicurezza in me stesso, ma anche di maggior divertimento e voglia di comunicare con gli altri. Questa cosa non mi piace perchè vorrei essere così anche senza assumere dell alcool! Per favore mi faccia sapere cosa ne pensa, grazie mille.

Caro Giovanni, la tua è un'età particolare dove la soddisfazione/insoddisfazione per il proprio aspetto fisico ricopre un ruolo assolutamente importante e predominante. In te convivono differenti aspetti, modalità di pensiero e di comportamento che, in qualche modo, ti creano un disagio significativo. Questa risposta vuole essere un invito a mettere da parte l'orgoglio, la paura del giudizio o la vergogna e di rivolgerti ad uno specialista che potrà aiutarti a superare queste difficoltà. Sinceri saluti.

(risponde il Dott. Davide Viola)

Pubblicato in data 28/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni