Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Paure e dubbi (077950)

on . Postato in Adolescenza | Letto 194 volte

Giada, 17 anni

E' cominciato tutto quest'estate quando sono andata in vacanza al mare con i miei genitori... Io e il mio ragazzo stavamo insieme da otto mesi, ci siamo conosciuti a scuola poichè siamo nella stessa classe. Stavamo benissimo assieme, io ero felicissima e il pensiero di stare lonteno da lui quindici giorni mi faceva stare male, tanto che durante il viaggio ho pianto pensando a lui. Nei primi due giorni di vacanza mi mancava da morire e ci sentivamo molte volte al giorno. Una sera lui mi scrisse un messaggio in cui mi diceva che aveva paura di perdermi e da quel momento a me prese un'ansia che non avevo mai provato. Pensai a come sarei stata se lo avessi lasciato. La mattina dopo avevo ancora questo pensiero di lasciarlo che mi spaventava per cui lo chiamai agitatissima e glielo riferii. Lui la prese molto male e io dopo la telefonata scoppiai a piangere pentita per ciò che avevo fatto. Quindi lo richiamai e ci rimettemmo assieme. Dopodichè lui mi venne a trovare un paio di volte ma io avevo sempre il pensiero di quello che avevo fatto che non mi faceva stare bene: cercavo una spiegazione, mi chiedevo se lo amavo davvero... ero spaventata e glielo dissi, lui mi disse che era meglio se ci prendevamo una pausa. Piansi per due giorni interi, non riuscivo a mangiare né a pensare ad altro... Tornai a casa dicendogli che volevo stare con lui, ma questi miei dubbi e paure mi mettevano un'ansia tremenda quando lui non era con me, mentre quando stavo con lui stavo bene. Siamo rimasti separati tutto agosto anche se ci sentivamo comunque e io cercavo sempre di vederlo in giro per la città: era il mio unico scopo quando uscivo e parlavo sempre di lui tanto che nessuno capiva perchè l'avevo lasciato e nemmeno io.
Lui a fine agosto mi disse che si frequentava con un'altra e che c'era già stato un bacio fra loro. Io la presi malissimo e piansi per due giorni interi perchè sapevo che non sarei mai riuscita a superare questo e che non saremmo mai più potuti tornare insieme, cosa che io speravo fin dal giorno in cui l'avevo lasciato. Ora sono due mesi che ci vediamo e di fatto siamo tornati insieme anche se non ufficialmente. Però io tante volte ripenso a ciò che è successo e ho il terrore di rifarlo anche se non voglio, a quel pensiero mi prende sempre la solita ansia e tante volte ho paura di dire a lui che lo amo anche se vorrei e mi sentirei di dirglielo. Quando sono con lui sto bene ma quando sono sola e ci penso ho l'ansia e non riesco più a ragionare co calma. Ho bisogno di un consiglio o di una spiegazione possibile per ciò che mi è successo perchè sto male davvero e non riesco a capire cosa mi prenda, in più non voglio far soffrire ancora il mio ragazzo. Volevo aggiungere anche che quest'est ate dopo quello che mi era successo ho provato anche paure irrazionali di altro tipo, come quella di cominciare a drogarmi o di farmi del male. Vi prego, aiutatemi...

Le paure e i dubbi alla tua età sono normali, è un modo divivere la realtà: sono delle piccole prove che occorre superare con un senso di fiducia e sicurezza.
Anche l'ansia può costituire una difficoltà e un compito da superare. Devi vagliare bene la situazione, con calma, ed essere chiara con te stessa rispetto a quello che vuoi raggiungere veramente. In primo luogo, c'è da calmarsi, poi capire se il rapporto che hai stabilito con il ragazzo ti soddisfa oppure no, soprattutto capire quali sono le cose che vanno bene e quelle che non vanno. In più, devi iniziare un dialogo più profondo chiarendo i tuoi sentimenti. Le paure o le ansie irrazionali si superano con lo sforzo di comprensione delle dinamiche vissute, stabilendo quello che c'è di vero da quello che non ha motivo di esistere.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (in...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del cont...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

News Letters