Pubblicità

Problema figlio (75005)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 221 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cari psicologi sono sposata da c.ca 12 anni ed ho 2 figli: uno di 1 anno e uno di 11.
Sono preoccupata per quello grande.
Devo premettere che quando era piccolo ha assistito a parecchi divervi fra me e il padre in cui quest'ultimo mi metteva parecchie volte le mani addosso ed in sua presenza mi umiliava
dicendo che ero una stupida, una inetta e tutte cose d questo tipo.
C'è da dire anche che mio marito mi ha conosciuto che soffrivo di gravi crisi di depressione. Purtroppo quando ero adolescente mio padre beveva e picchiava me e mia sorella e ci sottoponeva continuamente a torture di tipo psicologico anche lui del tipo sei un'incapace e via dicendo. Non ho mai avuto un granchè di vita sociale e ancora adesso ho parecchi problemi nel relazionarmi con gli altri. Molte volte ho dei blocchi in cui sto zitta e non riesco a dire niente.Sembra che mio marito abbia voluto prolungare il lavoro che mio paddre faceva con me.
MA VENIAMO AL PROBLEMA VERO E PROPRIO: mio figlio grande.
E' molto sensibile e piange spesso per un nonnulla ma quello che mi preoccupa di più è che si rivolge al piccolo in malo modo urlando di continuo e a volte facendogli anche male.
Ci scherza anche ma il più delle volte no.
Sono molto preoccupata: come devo comportarmi e come fargli capire che i + deboli nn vanno prevaricati e che questo nn è un comportamento normale da tenere?

Gentile signora, credo che quello che lei circoscrive come problema del foiglio maggiore sia da estendere all'intera famiglia. Il punto non è tanto o meglio "solo" far capire al ragazzo che i più deboli non vanno prevaricati, ma credo che la questione vada affrontata coinvolgendo tutti i membri della famiglia che versano in una condizione di disabgio e difficoltà, di cui il figlio più grande si è fatto carico, ponendosi nella scomoda posizione di "elemnto disturbante". Ma come ogni evento disturbanted ha un suo fine, quello di rendersi evidente, di segnalare e comunicare un disagio di cui non si riesce più a tollerare il peso. Immagino che il ragazo stia apiù livelli segnalando le sue difficoltà, e probabilmente un primo e immediato risultato lo ha ottenuto, dal momento che lei ha cominciato a fare una richiesta di aiuto contattando il sito di psicologia. Credo che la situazione sia abbastanza complessa e potrebbe affrontarla rivolgendosi di persona ad un esperto che potrà aiutare lei e la sua famiglia a fare un pò di chiarezza nella difficle situazione da lei accennata. Volevo, inoltre, aggiungere che le difficoltà tra i due figli vanno anche afrontate tenendo conto le "normali" gelosie che si scatenano con l'arrivo di un fratello, soprattutto quando per anni si è stati figli unici.
La saluto cordialmente augurandole di affrontare con serenità le difficoltà che in questo momento la affliggono.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni