Pubblicità

Problemi adolescenziali (140039)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 227 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberto 16

Salve, sono un normale ragazzo di 15 anni, quasi 16, che da un paio di mesi si è accorto di avere un problema in materia di amici. Tutto inizia un anno fa: avevo finito la scuola media, e lasciato quindi tutti i miei amici di classe. Pensavo che nella nuova scuola, in breve tempo mi sarei fatto nuovi amici con i quali uscire e divertirmi. Ma purtroppo così non è stato. Non so spiegare il perché, ma mi sono isolato dal resto del mondo, stando tutti i pomeriggi in casa, davanti a questo maledetto computer, dove mi facevo amici virtuali, che non hanno nulla a che vedere con gli amici reali. Così quasi tutto l'anno scolastico (a parte l'inizio dove mantenevo ancora qualche contatto con i vecchi amici). Poi è arrivata l'Estate, dove, parlo da credente, il buon Dio mi ha fatto capire che stavo commettendo l'errore più grave della mia vita. Quindi sono andato in spiaggia (abito in una città di mare), dove sono stato assieme ai miei amici che vedevo ogni Estate.  Assieme a loro ho passato dei momenti bellissimi, ed ho passato l'Estate più bella della mia vita. Passata l'Estate, si è ritornati alla situazione di partenza (per motivi troppo lunghi da spiegare, non posso uscire con loro anche d'Inverno), e mi sono reso conto di tutti i miei errori. Iniziata la scuola, ho iniziato subito a cercare di stare il più possibile con i miei compagni di classe, per socializzare e farmeli amici. Dico subito che vengo rispettato da tutti. Dopo qualche mese sono finalmente riuscito a tirare fuori il mio carattere: riesco a fare delle battute senza il timore che facciano ridere o meno, e sto simpatico a tutti, che mi dicono che ho uno stile tutto mio. Cosa molto positiva. Ma il problema è un altro. Per un ragazzo della mia età, la normalità è uscire e divertirsi, il pomeriggio e il sabato sera. Ma con i miei compagni di classe, sono riuscito a superare il primo ostacolo, ovvero tirare fuori il mio carattere, ma non riesco a chiedere se vogliono uscire con me. Cosa devo fare? Mi serve un consiglio per fare in modo che io esca da questa maledetta casa, e divertirmi con i miei compagni di scuola. Non riesco a fare la semplice domanda "esci oggi?" a nessuno. Perché? Vi  ringrazio in anticipo.

Cavoli Roberto, sei un ragazzo veramente in gamba, sei riuscito in breve tempo e senza l'aiuto di nessuno a cambiare una situazione non facile, complimenti, è evidente che sei molto apprezzato dai tuoi amici, che sei per loro un ragazzo piacevole da frequentare, di compagnia e di grandi qualità. Adesso ti manca veramente poco per arrivare al traguardo. Forse i tuoi compagni di classe non hanno capito il tuo desiderio di uscire con loro, visto che in precedenza non lo hai espresso. Sai che cosa piace loro fare? Che cosa fanno in genere? Dove e come si ritrovano? Potresti provare a fare tu una proposta a loro, no? Invitarli da qualche parte. Sono sicura che troverai il modo più naturale per te di oltrepassare anche questa porta.

 

(Risponde la Dott.ssa Banchelli Lucia)

Pubblicato in data 20/11/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia/Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

News Letters

0
condivisioni