Pubblicità

Problemi adolescenziali (147961)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 317 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gabriella 44

Salve, mi riferisco a mio figlio di 17 anni. G. ha assistito per alcuni anni prima della separazione, che è avvenuta circa 3 anni fà, a litigi e malumori tra i genitori. Oggi tra i genitori corre un apparente buon rapporto. Quest'anno a giugno G. non è stato ammesso alla 4° e deve ripetere l'anno scolastico. Il problema più importante che noto è l'incapacità di essere continuativo e costante nelle scelte fatte. Parla con buoni propositi ma non riesce a raggiungere i suoi obiettivi, anche i più piccoli e del breve periodo. E' ingrassato molto e non riesce a fare la dieta; non riesce ad essere costante con lo sport; non riesce ad essere costante con la scuola; non riesce a curare l'igiene della sua persona. Vi ringrazio per l'aiuto che potrete darmi e vi saluto cordialmente.

Salve Gabriella, lei si sta facendo molte domande che credo dovrebbe porre ad uno specialista in uno studio, in modo da poterne parlare più approfonditamente. Ciò nonostante, rispetto a ciò che ha scritto le darò un paio di indicazioni. 1) non cada nella tentazione di imputare ai litigi ed alla separazione ciò che fa o non fa suo figlio. Non perché suo figlio non sia stato toccato da questa storia familiare, ma perché la storia familiare rischia di divenire una trappola da cui non si esce più (qualunque cosa accada viene riportato a quello, perciò non può accadere niente di nuovo) 2)che cosa riesce a fare suo figlio? Anche "ciò che doverebbe e non è" può diventare una trappola, come se ci si potesse togliere dalla propria pelle ed entrare nella pelle di qualcun altro che è come si è deciso che dovrebbe essere. Ovvero, eviti per il momento di guardare ciò che è cavo (non riesce) e riscopra ciò che di lui è concavo e pieno (ciò che riesce, che persegue, che cerca). Spero di esserle stata utile

(Risponde la Dott.ssa Lucia Banchelli)

Pubblicato in data 26/10/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

News Letters

0
condivisioni