Pubblicità

Problemi di adolescenza (065091)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 238 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maria 15 anni, 21.06.2003

Carao psicologao Mi chiamo Maria e ho 15 anni le scrivo perchè mi sento sola e abbandonata da tutti?non esco da una settimana e non so proprio che mi succede, sento le mie migliori amiche molto distanti come se avessero qualcosa contro di me ma so di nn averle fatto niente, loro ora sono partite per più di una settimana e io sono rinchiusa in casa tutto il giorno senza sapere cosa fare e a pensare a loro che non si fanno sentire.
Penso di non avere una vita tanto facile ma neanche tanto difficile
I miei genitori sono abbastanza avanti con l'età, mio padre in famiglia non mi considera proprio nn ci parliamo sembriamo degli estranei le poche volte che parliamo è per litigare mi dice sempre che sono scema e che nn so fare niente, anche per esempio per quanto riguarda la scuola quando prendo bei voti lui mi dice che non me li sono meritati ..tutte queste cose a me fanno tanto male.
Mia madre come mio padre è¨ molto all'antica e anche con lei non c'è dialogo non mi capisce proprio ho provato molte volte ha parlarle dei miei problemi ma niente è impossibile.
Ho anche due fratelli uno a casa non c'è mai, e l'altro che ha quasi 30 anni è ancora a casa, lavora ma ogni tanto cade in depressione e i miei genitori quindi si concentrano solo su di lui come se io nn ci fossi, capisco che siano preoccupati ma lui dopo un certo periodo esce dalla depressione ma loro continuano soprattutto mio padre a concentrarsi su di lui.
Io come avrà capito non so con chi confidarmi le mie amiche non hanno questo tipo di problemi e comunque non mi potrebbero capire.
Tutti i problemi di famiglia soprattutto la depressione di mio fratello pesano anche a me e hanno creato in me un insicurezza enorme, e anche da piccola ho avuto rifiuti senza ragione da parte dei miei coetanei, e questi hanno ampliato ancora di piùla mia timidezza e la mia insicurezza, infatti ora io ho paura di come possano giudicarmi gli altri e faccio fatica ad instaurare nuove conoscenze.
La mia lettera è già lunghissima ma avrei un ultimo problema ogni tanto penso che io non ho nessuna ragione di vita e che se non ci fossi sarebbe tutto uguale, nn ho nessun motivo per vivere!.La prego ho tanto bisogno del suo aiuto di un suo valido consiglio spero che mi risponda presto la ringrazio tanto. Un bacione MARIA

Cara Maria, sei in un momento della tua vita in cui le emozioni si amplificano e, spesso, sembra che non ci sia via di uscita, anche se non è così.
Senti il bisogno di essere al centro dell'attenzione delle persone che ti circondano e la loro assenza ti fa sentire insicura e abbandonata. Molto dipende da te.
Se ti chiudi aspettando che gli altri si accorgano delle tue necessità, senza tentare di coinvolgerli nella tua vita, non farai altro che ingigantire il tuo senso di isolamento e soffrire in silenzio.
Devi avere il coraggio di chiedere quello di cui hai bisogno. Probabilmente i tuoi genitori non immaginano il tuo dolore e, quindi, concentrano l'attenzione su tuo fratello, che, al contrario, sta manifestando il suo disagio. Devi parlare con loro, anche se ti sembra di non essere capita nel modo in cui vorresti.
Parlare non vuol dire accusarli di quello che non fanno, o dei loro errori, ma vuol dire aprirti con loro e confessargli i tuoi sentimenti, la tua necessità di avere la dimostrazione del loro affetto.
La stessa cosa devi fare con le tue amiche. Non è importante che gli altri capiscano i motivi del tuo dolore, ma è importante semplicemente che sentano che hai bisogno di loro.
Non c'è niente di male a chiedere amore e attenzione apertamente, anzi è qualcosa che fa piacere alle persone che ricevono la richiesta. Ma non accusarli, chiedi quello che vuoi e accetta il modo in cui ti rispondono.
Ognuno ha il suo modo di dare amore e potrebbe non coincidere con l'idea che hai tu, ma comunque ti sta amando, nel suo modo.
Questo periodo passerà, e se fai come ti ho suggerito, passerà prima del previsto. Poi, siccome stai crescendo, comincia a coltivare qualche interesse personale, qualcosa che sia solo tuo e rappresenti una maniera per esprimere te stessa, qualcosa di creativo, da imparare, in cui puoi vedere ogni giorno i tuoi progressi ed essere contenta di te stessa. E poi....non c'è un ragazzo che ti piace? Scrivi ancora, e fammi sapere come stai. Ciao.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

News Letters

0
condivisioni