Pubblicità

Problemi scolastici e non solo (080297)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 189 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia, 17 anni

L'anno scorso, dopo mesi travagliati di problemi scolastici, dubbi ed insicurezza, ho deciso di cambiare scuola. Per carattere, faccio fatica ad affrontare i cambiamenti, e sapevo che questa mia decisione avrebbe comportato delle difficoltà, ma, essendo molto motivata, ero sicura di farcela.Le cose, invece, non sono andate proprio così. Ho avuto da subito difficoltà ad inserirmi nell'ambiente. Pur avendo sempre cercato di essere socievole e disponibile con tutti, ma ho percepito un muro, tra me e gli altri. Mi sentivo diversa da loro...io ero quella nuova, io ero quella che non sapeva disegnare (mi sono iscritta all'artistico). Inizialmente, non davo peso a questa cosa, presa com'ero dall'entusiasmo per potermi finalmente dedicare a ciò che amo. Ma col tempo, la situazione è diventata per me insopportabile. Sono timida di natura, e questo sentirmi "diversa" dagli altri, mi ha bloccata. Ho iniziato ad avere paura di andare a scuola...avevo paura a confrontarmi con gli altri (persone, tra l'altro, con le quali non riuscivo a legare, e non capisco perchè), e proprio non riuscivo a sentire mia quella nuova scuola. Ho iniziato a non andare a scuola. Ogni mattina era un attacco di panico. Le persone che amo mi sono state molto vicine, e mi hanno aiuto. Credevo di aver superato la crisi, e sono tornata a scuola. Ma dopo pochi giorni, sono ripiombata nello sconforto. Mi sentivo sola, in mezzo a mille sconosciuti. Ora sono quasi due mesi che non frequento più. E sono tormentata da sensi di colpa, perchè mi rendo conto che sto sprecando un altro anno della mia vita (per fare questo passaggio, ho perso un anno) e perchè tutta questa fragilità per me è una sconfitta. E questa situazione mi ha comportato un malessere interiore generale. Mi sento spesso triste, spesso senza motivo. Sono nervosa, aggressiva, e tutto il mio ottimismo e la mia positività hanno lasciato il posto ad una negatività che mi spaventa. Vedo solo il lato negativo delle cose, e sono più emotiva, apprensiva e possessiva del solito. Tutto ciò ovviamente, fa star male non solo me, ma anche le persone che mi stanno accanto, primo fra tutti il mio fidanzato, anche se è davvero un ragazzo meraviglioso, e mi sta accanto senza farmi pesare la situazione. Ora ho deciso di rivolgermi ad una psicologa, ma non sono riuscita ad andare all'appuntamento che avevo preso, proprio perchè, come ho detto prima, tutto ciò per me è come una sconfitta. Spero davvero di riuscire a risolvere i miei problemi, che forse hanno radici più profonde...non riesco più ad essere serena come un tempo, non mi riconosco più, e come se non bastasse, lo stress mi provoca anche dei disturbi fisici.

Cara Claudia, mi dispiace molto sentire tutta quesat tristezza e angoscia che traspare dalla sua lettera. In realtà i cambiamenti, come lei stessa sottolinea nella sua lettera, non sempre sono semplici da gestire e lei che stava in una situazione già complicata da questo punto di vista, in una situazione ancora più complessa, come se stesse alla ricerca del fallimento per confermare le sue difficoltà. La vicinanza dei suoi cari è fondamentale ma non potrà sostituirsi all'aiuto di uno psicologo che le consentirà di comprendere cosa le accade a livelli profondi come lei stessa ha notato.Certamente cominciare un percorso scatena ansie e preoccupazioni, come del resto tutte le nuove esperienza, ma vedrà che superate le iniziali resistenze potrà avantaggiarsi dei benefici del trattamento e recuperare il tempo perso.
Tanti auguri.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Psicologia

La psicologia è una scienza che studia i processi psichici, consci e inconsci, cognitivi (percezione, attenzione, memoria, linguaggio, pensiero ecc.) e dinamici...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

News Letters

0
condivisioni