Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi scolastici e non solo (080297)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 163 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia, 17 anni

L'anno scorso, dopo mesi travagliati di problemi scolastici, dubbi ed insicurezza, ho deciso di cambiare scuola. Per carattere, faccio fatica ad affrontare i cambiamenti, e sapevo che questa mia decisione avrebbe comportato delle difficoltà, ma, essendo molto motivata, ero sicura di farcela.Le cose, invece, non sono andate proprio così. Ho avuto da subito difficoltà ad inserirmi nell'ambiente. Pur avendo sempre cercato di essere socievole e disponibile con tutti, ma ho percepito un muro, tra me e gli altri. Mi sentivo diversa da loro...io ero quella nuova, io ero quella che non sapeva disegnare (mi sono iscritta all'artistico). Inizialmente, non davo peso a questa cosa, presa com'ero dall'entusiasmo per potermi finalmente dedicare a ciò che amo. Ma col tempo, la situazione è diventata per me insopportabile. Sono timida di natura, e questo sentirmi "diversa" dagli altri, mi ha bloccata. Ho iniziato ad avere paura di andare a scuola...avevo paura a confrontarmi con gli altri (persone, tra l'altro, con le quali non riuscivo a legare, e non capisco perchè), e proprio non riuscivo a sentire mia quella nuova scuola. Ho iniziato a non andare a scuola. Ogni mattina era un attacco di panico. Le persone che amo mi sono state molto vicine, e mi hanno aiuto. Credevo di aver superato la crisi, e sono tornata a scuola. Ma dopo pochi giorni, sono ripiombata nello sconforto. Mi sentivo sola, in mezzo a mille sconosciuti. Ora sono quasi due mesi che non frequento più. E sono tormentata da sensi di colpa, perchè mi rendo conto che sto sprecando un altro anno della mia vita (per fare questo passaggio, ho perso un anno) e perchè tutta questa fragilità per me è una sconfitta. E questa situazione mi ha comportato un malessere interiore generale. Mi sento spesso triste, spesso senza motivo. Sono nervosa, aggressiva, e tutto il mio ottimismo e la mia positività hanno lasciato il posto ad una negatività che mi spaventa. Vedo solo il lato negativo delle cose, e sono più emotiva, apprensiva e possessiva del solito. Tutto ciò ovviamente, fa star male non solo me, ma anche le persone che mi stanno accanto, primo fra tutti il mio fidanzato, anche se è davvero un ragazzo meraviglioso, e mi sta accanto senza farmi pesare la situazione. Ora ho deciso di rivolgermi ad una psicologa, ma non sono riuscita ad andare all'appuntamento che avevo preso, proprio perchè, come ho detto prima, tutto ciò per me è come una sconfitta. Spero davvero di riuscire a risolvere i miei problemi, che forse hanno radici più profonde...non riesco più ad essere serena come un tempo, non mi riconosco più, e come se non bastasse, lo stress mi provoca anche dei disturbi fisici.

Cara Claudia, mi dispiace molto sentire tutta quesat tristezza e angoscia che traspare dalla sua lettera. In realtà i cambiamenti, come lei stessa sottolinea nella sua lettera, non sempre sono semplici da gestire e lei che stava in una situazione già complicata da questo punto di vista, in una situazione ancora più complessa, come se stesse alla ricerca del fallimento per confermare le sue difficoltà. La vicinanza dei suoi cari è fondamentale ma non potrà sostituirsi all'aiuto di uno psicologo che le consentirà di comprendere cosa le accade a livelli profondi come lei stessa ha notato.Certamente cominciare un percorso scatena ansie e preoccupazioni, come del resto tutte le nuove esperienza, ma vedrà che superate le iniziali resistenze potrà avantaggiarsi dei benefici del trattamento e recuperare il tempo perso.
Tanti auguri.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Paura di stare soli (153061543…

Alice, 25     Buongiorno, tra qualche mese andrò a convivere con il mio ragazzo ma quando ci penso non riesco a stare tranquilla. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni