Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rapporti con un figlio adolescente (078386)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 180 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Patrizia, 42 anni

Mio figlio non riconosce più l'autorità dei suoi genitori ; ad esempio ad un rifiuto, sempre motivato, di qualsiasi genere, reagisce violentemente , spaccando quello che trovadavanti a sè. Noi , devo dire , abbiamo ceduto un pò alle sue richieste, pensando che magari si sarebbe calmato, ma le sue richieste sono sempre superiori: ad esempio se prima non gli permettevamo di dormire fuori, ora diventa un diritto. E' disordinato,non ascolta i nostri rimproveri (lavati prima di andare a letto, tieni in ordine le tue cose), è sempre in giro, dicendoci che: poichè esegue le sue cose a scuola, perchè non dovrebbe uscire! Così anche la sera , si era stabilito, che all'inizio della scuola non sarebbe più uscito, invece ha sempre qualche scusa e approfitta del fsatto che suona la batteria, dicendo che deve incidere un cd con il suo gruppo. Insomma è una lotta continua; non è capace di affrontare una discussione perchè subito si mette ad urlare. racconta bugie, e ruba i soldi in casa, non fa uso di droghe pesanti, ma secondo noi, fa un uso propositato di canne. Come possiamo comportarci per farci ascoltare? abbiamo provato in tutti i modi.

I rapporti con un figlio adolescente sono sempre difficili e, purtroppo, non esiste una ricetta valida in tutte le situazioni.
E' abbastanza normale che suo figlio cerchi di ribellarsi (anche le canne ne sono una testimonianza) per affermare se stesso nella propria personalità. E' una personalità ancora in costruzione che si definisce proprio attraverso le forme di contestazione alle norme sociali e alle regole familiari.
La cosa più difficile è, come scrive, "farsi ascoltare". E' necessario, in ogni caso, stabilire un dialogo, pur in mezzo ai comportamenti di intolleranza. E' necessario ritrovare la possibilità di parlarsi e raccontarsi quello che sta succedendo, evitando da parte dei genitori, di avere un atteggiamento rigido, altrimenti la reazione di rifiuto è scontata. L'atteggiamento giusto, o semplicemente più corretto, è quello dell'ascolto, evitando di dare giudizi precostituiti, di fare morali o prediche, di minacciare o ironizzare. Occorre aiutare suo figlio a parlare di come si sente, realizzando un clima di sicurezza e di accettazione e comprensione. Solo così si può ripristinare un dialogo costruttivo che aiuta suo figlio a crescere.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

News Letters

0
condivisioni