Pubblicità

Socializzazione (136837)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 199 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo 14

Salve, dopo averci pensato su a lungo, ho deciso di scrivervi perchè credo che voi possiate aiutarmi almeno un po'. Sono una ragazza abbastanza timida e ho dei problemi nel socializzare tanto da avere unicamente 2 amici! Io soffro per questo, ho provato a migliorare ma non ci sono stati risultati. In più il prossimo anno vado alle superiori e nella mia stessa classe ci sarà il ragazzo che mi piace! So già che farò delle figuracce, perchè non bastava essere timida ma sono anche molto molto insicura! Forse vi sono arrivate altre lettere simili ma vi prego di rispondermi. Vorrei un consiglio da voi vi prego!

Salve. Forse ci sono arrivate altre lettere simili a questa, ma nessuna è questa! Tu non sei le altre, ma sei tu con le tue caratteristiche e le tue insicurezze. Tutto ciò, fa di te una persona unica e speciale. Per cui, comincia a guardarti e a valorizzare ciò che sei. Inoltre, forse la prossima volta invece di firmarti “anonimo”, puoi darti un nome, in modo da non perderti nella massa indifferenziata! Se impari a guardarti e capire che non sei gli altri, allora forse darai maggiore valore a te, alle tue sfaccettature, alle tue cose e alle tue relazioni. Certo, ci sono molte insicurezze e questo ha due origini, una nella tua età e l’altra nel tuo carattere. Hai solo 14 anni e sei nella fase di esplorazione e conoscenza di te, come capita a tutti gli adolescenti. Ti ritrovi anche a compiere delle scelte importanti: la scuola, l’attività futura, gli amici, le relazioni in genere, ecc. Tutto ciò crea insicurezza e instabilità, spesso una sensazione di buio e caos. Dall’altra, probabilmente la tua introversione e insicurezza, rendono oltremodo difficili e incerti i passi che muovi verso il mondo. La cura giusta adesso consiste nel buttarti e vivere, senza timore di sbagliare o fare figure. Pensa solo che sbagliando impari un sacco di cose. Se fai tutto giusto invece, non impari nulla. L’errore è un grande maestro di vita. Sbagliare poi non è affatto fare una brutta figura, significa semplicemente essere sé stessi e accettare il corso naturale delle cose, che non è mai perfetto. La realtà è che tu hai solo 14 anni, devi imparare a conoscerti, a sapere ciò che puoi e non puoi fare, devi sperimentarti e tutto ciò prevede che fai esperienze di tanti tipi, compreso degli errori. Ciò che rovina tutto è il nostro senso di vergogna, il nasconderci, che fa apparire come inadeguato e indegno ciò che facciamo o siamo, oltre ragionevole misura. Quando mettiamo il giudizio, ci impediamo di vivere le cose per ciò che sono e ci rendiamo amara e vergognosa l’esistenza. Non hai nulla di cui vergognarti! Per cui, vivi la tua età spensierata e considera una grande opportunità avere in classe, il ragazzo che ti piace tanto, ciò ti permetterà di conoscerlo veramente meglio! In bocca al lupo!

(Risponde il Dott.ssa Sabrina Costantini)

Pubblicato in data 11/08/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni