Pubblicità

Solitudine (143667)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 212 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Matteo 21

Buongiorno, sono un ragazzo di 21 anni. Studio psicologia e in futuro spero di diventare uno psicoterapeuta. Ultimamente, pensando alla mia vita mi sono accorto di avere poche amicizie (3 di numero) e ogni tanto pensandoci mi rattristo e mi pento delle mie scelte passate che mi avrebbero portatato ad avere piu amicizie. E spesso mi capita di dover passare il sabato sera da solo senza amici. Inoltre, è da un periodo che non ho piu grandi contatti con mio cugino con cui andavo sempre molto d'accordo e passavamo molto tempo insieme (a giocare con videogames, cinema, sport) e da un pò lui sta perdendo le passioni che ci accomunano (ad esempio, non gli piace piu giocare con i videogames o andare al cinema). Quando ci penso, mi rattrista e innervosisce un pò. Mi è sempre piaciuto condividere con lui le mie passioni ed ogni volta che lui dimostrava che non gli piaceva qualcosa che non piaceva a me io mi dispiacevo ed innervosivo un pò. Ora infatti non vado più molto d'accordo con lui. Chiedo qualche consiglio per risolvere questi problemi. Purtroppo, non ho ancora gli studi neccessari per farmi un'autoanalisi. Grazie.

Caro Matteo, tu in che cosa stai cambiando? Che cosa non ti piace più di quello che ti piaceva prima? Che cosa ti piace di nuovo? Fino a che punto credi che la strada con tuo cugino si stia allargando per far spazio anche ad altro, magari ad altri (amici, interessi, amori)? O ad un modo diverso di stare insieme? Che cosa ti piacerebbe far sapere di te a tuo cugino, ed in che modo vorresti farglielo sapere? Avete mai parlato di voi? O questo è un mezzo che non appartiene al vostro tipo di rapporto? Da quello che racconti, mi immagino un ragazzo capace di legami importanti, di forti emozioni e di una grande capacità di condivisione. Come vedi, non ti ho dato consigli ma forse qualche spunto di riflessione. Credo che tu, futuro psicoterapeuta, te lo aspettassi.

(Risponde la Dott.ssa Lucia Banchelli)

Pubblicato in data 11/04/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni