Pubblicità

Stato confusionale (124125)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 220 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesco 18

Salve, ho 18 anni, qualche anno fa ho tentanto il suicidio buttandomi dal secondo piano, fortunatamente ne sono uscito illeso. Tale gesto penso sia stato causato, oltre che dalla separazione dei miei genitori, anche da una delusione amorosa, ora dopo 3 anni mi ritrovo meglio di prima perchè consapevole di non rifare mai più quel gesto ma, anche molto spaventato perchè non voglio ammettere di avere un problema con i miei genitori e di avere molta paura del futuro, infatti passo spesso momenti in cui mi sfogo quando sono solo. La prego di darmi una risposta grazie a presto.

Caro Francesco, mi dispiace per i tuoi vissuti così dolorosi, ma devo dire anche che adesso sembri più forte. Inoltre mentre dici di essere preoccupato perchè non vuoi ammettere a te stesso di avere un problema, lo ammetti già poichè se così non fosse non lo avresti scritto. Sei già un passo avanti verso lo stare bene, devi solo trovare il coraggio di chiedere un aiuto concreto. Spero che tu lo faccia al più presto. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 27/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni