Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Strano rapporto con un amico (50847)

on . Postato in Adolescenza | Letto 141 volte

Luca 17

Premetto che il mio "problema" probabilmente non è nulla di grave, tuttavia è un cruccio che mi voglio togliere ma soprattutto m'interessa sapere lei cosa ne pensa. Mi chiamo Luca e ho 17 anni. Il mio "problema" è questo: voglio TROPPO bene ad un mio amico maschio, un bene quasi morboso che non ho mai provato per nessuna altra persona del mio stesso sesso. La cosa un po' mi preoccupa perché lui è SEMPRE nei miei pensieri, ogni istante, un po' come se fossi innamorato di una ragazza. Non sono attratto fisicamente, ma ripeto, lui è sempre al centro della mia attenzione. Che significa tutto questo? Come devo comportarmi? Un' altra cosa strana è che con altri amici (quando lui non è presente) parlo male di lui In fondo non voglio farlo ma lo faccio, cioè cerco molte volte di trovare un appiglio per litigare con lui. E forse lo faccio perché voglio vedere quanto e se ci tiene a me e come mi "riconquista". E' come se volessi rompere questo rapporto ma in realtà sono cosciente che non ci riuscirei perché gli voglio troppo bene. Cosa fare? Grazie! Spero di essere stato chiaro. NB= Penso che la cosa sia reciproca con l'unica differenza che lui non cerca in tutti i modi di litigare. Io si e così facendo mi contraddico con me stesso.

 

Caro Luca, credo che dovresti lasciarti andare e vivere questo rapporto come viene, senza spaventarti di quel che senti e pensi.Durante l'adolescenza è normale provare dei sentimenti forti e travolgenti, anche se diretti verso una persona del proprio sesso. Se ti inibisci oggi nel rapporto con questo amico, non potrai mai sapere cosa davvero stavi vivendo e sentendo, mettendo un blocco sulle tue emozioni e frenando le tue scelte future. Quindi il mio consiglio è di ascoltarti fino in fondo senza giudicare te stesso e di vivere le tue esperienze liberamente. Non litigare con lui, ma attraverso lui cerca di conoscerti più a fondo. Ciao.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters