Pubblicità

Strano rapporto con un amico (50847)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 213 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca 17

Premetto che il mio "problema" probabilmente non è nulla di grave, tuttavia è un cruccio che mi voglio togliere ma soprattutto m'interessa sapere lei cosa ne pensa. Mi chiamo Luca e ho 17 anni. Il mio "problema" è questo: voglio TROPPO bene ad un mio amico maschio, un bene quasi morboso che non ho mai provato per nessuna altra persona del mio stesso sesso. La cosa un po' mi preoccupa perché lui è SEMPRE nei miei pensieri, ogni istante, un po' come se fossi innamorato di una ragazza. Non sono attratto fisicamente, ma ripeto, lui è sempre al centro della mia attenzione. Che significa tutto questo? Come devo comportarmi? Un' altra cosa strana è che con altri amici (quando lui non è presente) parlo male di lui In fondo non voglio farlo ma lo faccio, cioè cerco molte volte di trovare un appiglio per litigare con lui. E forse lo faccio perché voglio vedere quanto e se ci tiene a me e come mi "riconquista". E' come se volessi rompere questo rapporto ma in realtà sono cosciente che non ci riuscirei perché gli voglio troppo bene. Cosa fare? Grazie! Spero di essere stato chiaro. NB= Penso che la cosa sia reciproca con l'unica differenza che lui non cerca in tutti i modi di litigare. Io si e così facendo mi contraddico con me stesso.

 

Caro Luca, credo che dovresti lasciarti andare e vivere questo rapporto come viene, senza spaventarti di quel che senti e pensi.Durante l'adolescenza è normale provare dei sentimenti forti e travolgenti, anche se diretti verso una persona del proprio sesso. Se ti inibisci oggi nel rapporto con questo amico, non potrai mai sapere cosa davvero stavi vivendo e sentendo, mettendo un blocco sulle tue emozioni e frenando le tue scelte future. Quindi il mio consiglio è di ascoltarti fino in fondo senza giudicare te stesso e di vivere le tue esperienze liberamente. Non litigare con lui, ma attraverso lui cerca di conoscerti più a fondo. Ciao.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

News Letters

0
condivisioni