Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Strano rapporto con un amico (50847)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 197 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca 17

Premetto che il mio "problema" probabilmente non è nulla di grave, tuttavia è un cruccio che mi voglio togliere ma soprattutto m'interessa sapere lei cosa ne pensa. Mi chiamo Luca e ho 17 anni. Il mio "problema" è questo: voglio TROPPO bene ad un mio amico maschio, un bene quasi morboso che non ho mai provato per nessuna altra persona del mio stesso sesso. La cosa un po' mi preoccupa perché lui è SEMPRE nei miei pensieri, ogni istante, un po' come se fossi innamorato di una ragazza. Non sono attratto fisicamente, ma ripeto, lui è sempre al centro della mia attenzione. Che significa tutto questo? Come devo comportarmi? Un' altra cosa strana è che con altri amici (quando lui non è presente) parlo male di lui In fondo non voglio farlo ma lo faccio, cioè cerco molte volte di trovare un appiglio per litigare con lui. E forse lo faccio perché voglio vedere quanto e se ci tiene a me e come mi "riconquista". E' come se volessi rompere questo rapporto ma in realtà sono cosciente che non ci riuscirei perché gli voglio troppo bene. Cosa fare? Grazie! Spero di essere stato chiaro. NB= Penso che la cosa sia reciproca con l'unica differenza che lui non cerca in tutti i modi di litigare. Io si e così facendo mi contraddico con me stesso.

 

Caro Luca, credo che dovresti lasciarti andare e vivere questo rapporto come viene, senza spaventarti di quel che senti e pensi.Durante l'adolescenza è normale provare dei sentimenti forti e travolgenti, anche se diretti verso una persona del proprio sesso. Se ti inibisci oggi nel rapporto con questo amico, non potrai mai sapere cosa davvero stavi vivendo e sentendo, mettendo un blocco sulle tue emozioni e frenando le tue scelte future. Quindi il mio consiglio è di ascoltarti fino in fondo senza giudicare te stesso e di vivere le tue esperienze liberamente. Non litigare con lui, ma attraverso lui cerca di conoscerti più a fondo. Ciao.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni