Pubblicità

Strano rapporto con un amico (50847)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 235 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca 17

Premetto che il mio "problema" probabilmente non è nulla di grave, tuttavia è un cruccio che mi voglio togliere ma soprattutto m'interessa sapere lei cosa ne pensa. Mi chiamo Luca e ho 17 anni. Il mio "problema" è questo: voglio TROPPO bene ad un mio amico maschio, un bene quasi morboso che non ho mai provato per nessuna altra persona del mio stesso sesso. La cosa un po' mi preoccupa perché lui è SEMPRE nei miei pensieri, ogni istante, un po' come se fossi innamorato di una ragazza. Non sono attratto fisicamente, ma ripeto, lui è sempre al centro della mia attenzione. Che significa tutto questo? Come devo comportarmi? Un' altra cosa strana è che con altri amici (quando lui non è presente) parlo male di lui In fondo non voglio farlo ma lo faccio, cioè cerco molte volte di trovare un appiglio per litigare con lui. E forse lo faccio perché voglio vedere quanto e se ci tiene a me e come mi "riconquista". E' come se volessi rompere questo rapporto ma in realtà sono cosciente che non ci riuscirei perché gli voglio troppo bene. Cosa fare? Grazie! Spero di essere stato chiaro. NB= Penso che la cosa sia reciproca con l'unica differenza che lui non cerca in tutti i modi di litigare. Io si e così facendo mi contraddico con me stesso.

 

Caro Luca, credo che dovresti lasciarti andare e vivere questo rapporto come viene, senza spaventarti di quel che senti e pensi.Durante l'adolescenza è normale provare dei sentimenti forti e travolgenti, anche se diretti verso una persona del proprio sesso. Se ti inibisci oggi nel rapporto con questo amico, non potrai mai sapere cosa davvero stavi vivendo e sentendo, mettendo un blocco sulle tue emozioni e frenando le tue scelte future. Quindi il mio consiglio è di ascoltarti fino in fondo senza giudicare te stesso e di vivere le tue esperienze liberamente. Non litigare con lui, ma attraverso lui cerca di conoscerti più a fondo. Ciao.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Articolo 2 - il Codice Deontol…

Proseguiamo il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'articolo 2 Articolo ...

Articolo 1 - Codice Deontologi…

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di El...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell’a...

News Letters

0
condivisioni