Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Tentato suicidio (128521)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 218 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giulio 17

Oggi ho provato per la seconda volta a togliermi la vita tagliandomi le vene. La mia ragazza mi ha lasciato 15 giorni fa e l'ho presa malissimo; non ho mangiato per 5 giorni e non dormo da quando mi ha lasciato perchè la notte non riesco a far altro che piangere pensando a lei. L' altro giorno ho avuto il coraggio di chiederle di riallacciare i rapporti mandandole a casa 13 rose, lei appena mi ha visto mi ha sbattuto le rose in faccia dicendomi che era inutile fare questi gesti pietosi tanto non sarebbero serviti a nulla. Quello è stato il momento in cui ho pensato che non valeva più la pena di vivere senza di lei; ho tentato la prima volta di farla finita ma non ci sono riuscito del tutto. Oggi l' ho rivista con un altro e non ho resistito, ho avuto l' ennesima conferma che non voglio piu vivere con la consapevolezza che lei non vuole stare con me. Ho provato di nuovo ma ancora non ci sono riuscito, quando ha incominciato a uscire molto sangue dal polso mi sono fermato perchè tremavo e mi veniva da vomitare. Cosa posso fare secondo voi? Grazie

Caro Giulio, innanzitutto sento il dovere di mostrarti tutta la comprensione per il dolore che stai provando. Perdere la persona amata non è mai una cosa facile da affrontare. Ma tu devi darti forza. Non puoi farti letteralmente uccidere da un sentimento, seppure forte, verso una persona che non ti ama, che ti tratta male e che sta già con un altro. Non lo merita, e in generale una cosa simile non la meriterebbe comunque anche se non ti trattasse male o non frequentasse già un altro. Capisco che farcela da solo è dura e per questo ti esorto a chiedere l'aiuto di qualcuno competente (uno psicologo da consultare di persona) anche presso l'ASL cui appartieni. Se proprio non vuoi, confidati con i tuoi genitori o con i tuoi amici e fatti aiutare perchè da solo puoi solo metterti nei guai. E poi chi soffrirebbe di un tuo gesto inconsulto? I tuoi genitori, i tuoi amici, ma non certo lei. Quella che stai cercando di intraprendere è una strada a senso unico. Pensa bene a quello che hai cercato di fare e prendi la decisione più giusta: vivi la tua vita e vivila al meglio.

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 24/11/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni