Pubblicità

Un po' di tutto (129738)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 226 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca 17

Ciao mi chiamo Francesca e sono una bella ragazza, abbastanza popolare, con una famiglia abbastanza normale, ho una vita abbastanza bella, .insomma non mi lamento più di tanto; ma dentro c'è qualcosa che non va: non sto bene, per niente, non so con chi parlarne, non voglio essere un peso per nessuno, e in realtà non so neanche bene cos'ho, so solo che ogni giorno vorrei piangere e non lo faccio perchè non posso stare male per qualcosa che non c'è e soprattutto devo imparare a essere forte, a contare solo su me stessa. E' un mondo pieno di persone, e anche le piu vicine sono sconosciuti, sono tutte persone che sanno parlare tanto ma appena è possibile ti girano le spalle. Ogni giorno mi sento piu sola, mi sento piu brutta dentro: vedo le mie amiche, i miei amici, tutti con il ragazzo o la ragazza, e mi sembrano felici, loro non sono soli. Io riesco solo a trovare persone che mi vogliono fisicamente, io non voglio questo, non ho chiesto io di essere "attraente", io vorrei che la gente mi apprezzasse per come sono dentro, e invece credono che sia una persona superficiale, non mi sento apprezzata da nessuno, in più sto diventando grassa non riesco a dire no al cibo, così ho messo su un po di chili, non so quanti perchè ho paura a pesarmi, ma me l'hanno detto in tanti, anche i miei genitori, e inoltre vedo che non riesco a entrare più nei pantaloni. Ogni volta sto sempre peggio, non riesco a frenarmi, e me lo dimostra anche il fatto che appena ho dei soldi li spendo tutti, oppure se bevo qualcosa e mi offrono qualcos'altro e so che rischio di star male non dico di no. Non so cosa mi sta succedendo ma devo capirlo e risolverlo: è un nodo che mi si è fermato nel pettine e va tagliato.

Cara Francesca, innanzitutto i nodi al pettine non vanno tagliati, ma sciolti, altrimenti (ed è una metafora molto azzeccata) resta una ciocca più corta della rimanente capigliatura e bisognerebbe, per sistemare il tutto, tagliare ad un'altezza adeguata anche il resto. E tu non vuoi "tagliare" i pezzi della tua vita, ma anzi, metterli insieme per farne un'acconciatura bellissima. Detto questo, perchè una ragazza bella e che afferma di avere una bella vita, si sente così inetta? Non credo che sia sufficiente dire che la spiegazione sta nel giudizio che gli altri hanno di te, perchè sei tu l'unica che può dimostrare loro che si sbagliano. E tu stessa dici che per farlo devi essere forte. Il punto è che da sola non ti basti, perchè per essere sufficiente a te stessa hai bisogno di capire cosa ti manca da farti sentire incompleta e andartelo a prendere. Chiedi aiuto ad una psicologa e vedrai che presto ritroverai la serenità che ti sembra di aver perduto.

 

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 8/05/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni