Pubblicità

Violenza o no (129645)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 203 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Licia 19

Salve, sto da 2 anni con un ragazzo di 23, e non so se interpretare i suoi atteggiamenti come un lato del suo carattere o come comportamenti violenti. Quando litighiamo mi spinge, mi strattona, mi urla vicinissimo al viso. A volte mi sbatte fuori casa sua o se siamo in macchina mia vuole scendere mentre siamo in movimento. Quando me ne vado mi segue, mi rincorre urlando. Poi d'improvviso si acquieta. Gli dico che mi ha fatto male, che mi ha stretto troppo il braccio e rispnde che non l'ha fatto a posta. Poi scoppia a piangere e dice che si ammazza. Spesso usa violenza contro se stesso. Da bambino ha visto episodi di violenza in casa, e quando ha questi comportamenti sembra non essere cosciente, i suoi occhi sembrano vitrei. Come devo interpetare tutto ciò? Grazie.

Cara Licia, direi che l'unica cosa che puoi fare è stare attenta a quanto il tuo ragazzo può spingersi avanti con questi comportamenti aggressivi, perchè potrebbe diventare pericoloso. Inoltre, se quando non è aggressivo si comporta bene, puoi parlargli in un momento di calma e chiedergli se vuole venire con te da uno psicologo perchè inizi a temere la sua aggressività e vuoi capire se c'è un modo per aiutarlo a controllarla. Se non ti accontenta non insistere e trova un modo per lasciarlo facendoti aiutare da qualcuno, ad esempio i tuoi genitori, perchè di fronte ad una rottura non sai che reazione potrebbe avere. Non sarà facile, ma è per il tuo bene che devi agire.

 

(risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 8/05/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni