Pubblicità

Affettività (14629776559)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 821 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoFilippo, 38

 

D

 

 

Ciao, scrivo perché nella mia normalità mi sento inadatto e soprattutto perché non sto bene così come sto. Sono un uomo di quasi 38 anni. Sono una persona con un'ottima cultura, e sono uno sportivo.


Per l'ennesima volta mi ritrovo solo. Il lavoro che faccio non mi aiuta in quanto spesso sono in ufficio senza nessuno. Abito da solo in una casa in mezzo al bosco (è stata una scelta fatta che mi è sembrata giusta perché mi ha permesso di uscire di casa).


Non ho nessuna relazione affettiva da 15 anni, ho amici e amiche, non sono asociale. Non so perché ma nella mia vita molte scelte mi hanno portato ad oggi. Non so cosa pensare. Credo che il mio stato d'animo sia vicino alla rassegnazione...del tipo:"E' destino che sia così", ecc. ecc.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 

Ciao Filippo, leggendo le tue parole, non emerge in maniera chiara, quale sia la tua domanda. Si evidenzia un senso di insoddisfazione generale per la mancanza di un legame affettivo stabile e gratificante.


Tuttavia non è chiaro né il motivo di questa situazione, né la tua richiesta. Non racconti nulla di te, della tua vita, del tuo lavoro,  della tua famiglia, delle scelte che ti hanno condotto a vivere isolato e fare un lavoro in solitudine.


Hai 38 anni e sei solo da 15. Cosa è successo nella tua ultima relazione?  È da quel momento in poi che non ne hai più avute? Come mai ti ritrovi "ancora una volta da solo"? Perché è stato così importante uscire di casa a tal punto da rifugiati in mezzo ad un bosco?


Racconti di avere amicizie e rapporti sociali, cosa, secondo te, impedisce che una simpatia nata in un rapporto di amicizia, si trasformi in qualcosa di più profondo?
Dici di essere rassegnato, ma a cosa? Ad una vita da vivere senza una compagna? Perché? 

Ti sei mai domandato come mai ti accade questo? E se si, Che cosa ti sei risposto? Attribuire tutta la responsabilità ad un cattivo destino, sembra riduttivo e poco rispettoso del tuo stato di sofferenza.


Ti invito, se ne hai voglia, a scriverci nuovamente e spiegare un po' meglio il tuo disagio e ciò che ti è successo, così da poterti dare una risposta che ti indirizzi verso l'inizio di una risoluzione di questo disagio ed a un chiarimento con te stesso.

 

Dr. Alessandra Carini
Psicologo - Psicoterapeuta
E.M.D.R. - Psicologo Forense

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 07/06/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: solitudine stato d'animo destino rassegnazione cultura, inadeguatezza sportivo poche amicizie

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la propria...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

News Letters

0
condivisioni