Pubblicità

Aiutare un amico (1463646752723)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 946 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSonia, 25

 

D

 

 

Buongiorno, scrivo perchè ho bisogno di un consiglio per aiutare nel modo giusto un caro amico che ha 28 anni. E' una persona che conosco molto bene sia a livello caratteriale che per quanto riguarda le vicessitudini di vita.


E' sempre stato forte, estroverso, espansivo, grintoso, una persona che non si abbatteva mai di fronte ai problemi che si presentavano, ma anzi li affrontava con coraggio e determinazione. Mi ha sostenuto e dato tanta forza in alcuni momenti bui della mia vita, come nessuno ha saputo fare.

Qualche tempo fa improvvisamente qualcosa è cambiato: è diventato apatico, insofferente, quasi disinteressato riguardo alla sua vita. Non gli piace il lavoro che fa, non si sente gratificato e/o realizzato (ha, come molti, un contratto a termine), si lamenta di questa sua instabilità anche a livello economico. Ma fa poco o quasi niente per cambiare la situazione.


Ha un atteggiamento passivo e di rassegnazione che non gli appartiene. Tutto questo mi fa stare male perché non so come aiutarlo. Ha una ragazza da qualche tempo, dice che le cose tra loro non vanno bene, che per lui la storia è finita (attende il momento opportuno per chiudere, ma ci sono delle questioni tra di loro da sistemare che non riguardano l'aspetto sentimentale).

Anche in questo campo della sua vita non fa niente per cambiare le cose, per sistemare la questione e poter avviarsi libero verso un cambiamento che tanto vuole e spera. Non ho le competenze per capire se sia un pò depresso, ma posso dire con assoluta certezza che questo non è il suo modo di affrontare la vita.

Vorrei un consiglio per aiutarlo ad uscire da questo periodo negativo ma soprattutto per spronarlo a cambiare ciò che nella sua vita non va e/o non lo rende felice.
Vi ringrazio fin d'ora per la risposta

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 


Gentile Sonia,
il suo amico è fortunato ad avere una persona che si occupa e preoccupa di e per lui.
Purtroppo però le persone che sono emotivamente coinvolte non sono in grado di fornire un aiuto efficace, ad esempio:  in modo inconsapevole il legame affettivo influenza la capacità di fornire consigli e supporto, gli amici sovente non si sentono "liberi" di esprimere certi tipi di problemi in quanto temono di modificare il rapporto,hanno pudori di vario tipo....


Ciò che mi sembrerebbe opportuno per il suo amico è rivolgersi ad un professionista esperto (scegliendo, fra gli iscritti all'ordine degli psicologi della sua regione, uno psicoterapeuta magari privilegiando chi offre il primo colloquio gratuito).

E' molto importante la scelta dello psicoterapeuta, ed il fatto che  il primo colloquio sia gratuito consente di consultarne più di uno in modo da individuare quello con il quale ci si sente più a proprio agio (tecnicamente si dice avere un transfert positivo).


Augurando al suo amico ed a lei ogni bene, la saluto.
S.Bertini 

 

A cura della Dottoressa Susanna Bertini

 

Pubblicato in data 23/06/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cambiamento amicizia rassegnazione supporto psicologico aiutare un amico apatico insofferente disinteressato transfert positivo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni