Pubblicità

Difficoltà nello studio per una anziana (1558204122984)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 108 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAnnesin, 75

domanda

Gentili Signori,
ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per gli eventuali risvolti neurologici. E’ una mia cugina, oltre i settanta come me, un tipo tranquillo, senza particolari problemi familiari, con qualche acciacco (come più o meno abbiamo tutti) sotto controllo , complessivamente in buona forma fisica. Ha vari interessi e hobby, che segue perché si diverte, sta in compagnia e si tiene in forma anche mentalmente.

Da un paio d’anni è tornata a un vecchio amore di gioventù, il pianoforte, si è iscritta a una scuola di musica e ha seguito dei corsi. Il primo anno è andato bene, ha recuperato la maggior parte delle nozioni teoriche dei verdi anni e una discreta agilità manuale.


Anche il secondo anno è iniziato bene, ma a un certo punto, senza un motivo apparente, ha cominciato a incontrare difficoltà: fatica a memorizzare i brani, fa tanti errori sempre differenti (a cui non era abituata), fa scarsi progressi da una lezione all’altra anche se a casa si applica con determinazione.


Insomma, studia studia, ma non riesce a suonare benino nemmeno brani facili, perché pasticcia troppo. L’insegnante di teoria musicale la considera brava e preparata, il maestro di pianoforte quest’anno invece si è sorpreso: le ha dapprima suggerito i classici rimedi didattici, ma non hanno funzionato; lui pensa sia un blocco psicologico, ma non sa bene cosa inventarsi per aiutarla a superarlo, lei è dispiaciuta e preoccupata di avere qualche problema neurologico in arrivo che comincia a manifestarsi così. Il suo medico l’ha rassicurata e le ha dato solo un integratore per la memoria.


Questo impegno non ha nessun risvolto di obbligo, ovviamente non deve superare esami o fare saggi, è una cosa solo sua, che le piace e le dava soddisfazione fino a qualche mese fa...Non ci sono nemmeno conflitti con familiari e vicini di casa, visto che ha un piano digitale e suona in cuffia…


A me dispiace molto e vorrei aiutarla come tante volte mi ha aiutato lei: non riuscire a fare una cosa bella che ci arricchisce la vita è davvero triste!
Secondo voi potrebbe essere un indizio di deterioramento mentale? E’ il caso di contattare qualche specialista? E di che tipo? Grazie per l’attenzione e a presto, spero!

Annesin


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

Gentile Annesin,

entrando nel merito del deterioramento cognitivo (quindi a una situazione di cambiamento delle funzioni mentali che richiedono un approccio medico e neuropsicologico) non si fa solo riferimento a delle dimenticanze, ma anche difficoltà sia nello spazio che nel tempo, senso di confusione o smarrimento, difficoltà a riconoscere volti noti e modifiche improvvise al carattere.


Ma da ció che scrive la sua amica é in buona forma fisica, si mantiene allenata mentalmente e ha buone capacità relazionali, ma come ogni processo fisiologico anche l’apprendimento cambia con il passare dell’età e richiede maggior tempo. Nella memorizzazione dei brani potrebbe usare delle strategie (come ad esempio usare colori diversi per le diverse note) che la potrebbero aiutare (visto che i classici rimedi didattici non hanno funzionato, poiché ognuno apprende e funziona in modo diverso).


Per iniziare, potrebbe stabilire un obiettivo semplice da raggiungere in modo da incomiciare ad alleviare questo senso di frustrazione e paura che in questo momento la sua amica sta provando. Una volta raggiunto, stabilire un secondo obiettivo, facendo cosí un passo alla volta per ritrovare il piacere che le procurava suonare il pianoforte.

Cordiali saluti.

 

Pubblicato in data 21/05/2019

 

A cura della Dottoressa Ilaria Luciani

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita apprendimento studio

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propria attività muscolare, il mondo idoneo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni