Pubblicità

Essere spocchioso... (1547225160470)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 750 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoPaolo, 42

domanda

 

 

Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ?

Questa persona non si rende minimamente conto di esserlo, per lei "la cultura non può essere un difetto", non si percepisce minimamente come tale e si sente addirittura incompreso se qualcuno lo classifica in questo modo.

Questa persona è molto intelligente e colta, dice che la sua "normalità" è diversa da quella degli altri e che dunque il suo modo "normale" di essere non viene percepito come tale dagli altri che vivono una normalità diversa.

Come affrontare la cosa col mio amico? il punto è che io non lo vedo in questo modo ma il primo impatti che fa a tutte le persone sono di questo tipo...

Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta illuminante.

Distinti saluti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 



risposta

 

 

Caro Paolo,

a volte la realtà è troppo complessa per essere riassunta in una risposta che possa considerarsi illuminante, e questo non è necessariamente un male.
Purtroppo o per fortuna (e da psicologa propenderei per la seconda) non siamo tutti fatti con una serie di stampini corrispondenti ognuno ad una tipologia di personalità, ad una diagnosi o ad una qualche etichetta categorizzante.

Lo stesso modo di essere, che in questo caso lei definisce di "spocchia", non ha un solo significato per tutti, ma è per ognuno il risultato, sempre in evoluzione e mai dato definitivamente, di una storia irripetibile, di un mondo dinamico auspicabilmente pieno di senso, è quasi sempre il meglio che in quel dato momento quella persona ha potuto fare.

Sono tante le domande che ci si può porre prima di giudicare il modo di essere di qualcuno, così tante che forse a giudicarlo non si arriverà infine mai.
Che valore ha per lui essere acculturato? Che ruolo ha la cultura nella definizione della sua identità? Come, quando e a quale scopo è arrivato ad essere così? Questo modo di essere arreca danno o sofferenza a lui o a qualcuno che gli è vicino? In che cosa il suo modo di porsi gli è funzionale, e in cosa invece lo ostacola? Lui vorrebbe cambiare? Altri vorrebbero che cambiasse? E perché? Il senso che questo modo di essere aveva quando è cominciato, è ancora attuale o è un retaggio del passato? Lui sta bene con questo suo modo di essere?

Non è certo facile rispondere a tutte queste domande, e le risposte possono cambiare nel tempo, ma solo così potrà capire se e come "affrontare" quello che potrebbe essere un problema, oppure non esserlo.

 

 

Pubblicato il 17/01/2019

 

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita spocchioso essere spocchioso

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

News Letters

0
condivisioni