Pubblicità

Ira e memoria (1468776619431)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 747 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoHazet, 30

 

D

        

 

Salve, sono un uomo di trent'anni, sono una persona che si arrabbia abbastanza facilmente, normalmente riesco a gestire la rabbia piuttosto bene, utilizzando il linguaggio verbale, (che spesso diventa anche piuttosto pesante, ma ho imparato col tempo che sfogarmi subito verbalmente mi permette di non andare oltre), preciso che non sono una persona litigiosa o che cerca inutilmente scontri.

La mia curiosità nasce dal fatto che quelle tuttosommato rare volte in cui non riesco a gestire l'ira c'è una fatto scatenante (che sia verbale o meno) che mi fa perdere il controllo, e in quei momenti dico cose davvero pesanti ed è¨ capitato anche (davvero poche volte per fortuna) che passassi ad aggressioni fisiche.

Il punto è che passati qui 2/3 minuti di rabbia cieca torno pressochè¨ calmo, e ricordo poco o nulla di ciò che ho detto o fatti in quei momenti. Ci metto un pò anche a ricordare cosa mi abbia fatto "scattare".

Volevo sapere se questo è un comportamento che si può definire normale o se dovrei preoccuparmi.

Grazie per le risposte, buona serata.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 

Caro Hazet,

la modalità  comportamentale di gestire l' emozione della rabbia attraverso il linguaggio verbale implica la capacità di riconoscerla e di esprimerla in modo comunque socialmente accettabile.

Il problema si pone quando ci sono dei momenti seppur brevi  in cui l' ntensità della rabbia è tale che si arriva a perdere il controllo, passando ad un' aggressione fisica vera e propria senza ricordare successivamente nulla delle  azioni compiute in quel breve istante.

La parola da lei utilizzata è rabbia cieca e rende con precisione l'idea di un'emozione che in quel momento non risulta governabile.

Sarebbe molto importante a mio avviso approfondire questo aspetto , in quanto sentore e campanello di allarme di un qualcosa che afferisce alla sfera delle emozioni e che risulta sfuggire alla sua piena consapevolezza e al suo controllo cosciente.

Ha mai riflettuto su quali sono gli stimoli o le circostanze specifiche in cui le succede questo? Sa riconoscere in modo chiaro i fattori scatenanti?

Una esplorazione delle cause scatenanti  parallelamente ad un lavoro sul riconoscimento e sulla gestione delle proprie emozioni potrebbe aiutarla ad apprendere la modalità più adeguata per regolare quegli eventuali momenti di rabbia cieca al fine di acquisire un controllo pienamente consapevole  della sua sfera emotiva.

Lei mostra di avere già  molta consapevolezza dell'intensità  dei suoi processi emotivi  e questo è molto importante per inquadrare i fattori che determinano la sua rabbia e poterci  lavorare sopra, magari con l' ausilio di uno psicologo, per mettere in atto la modalità di regolazione emotiva più adeguata.

Rimango a disposizione per eventuali  chiarimenti/approfondimenti, un caro saluto.

dott.ssa Arianna Grazzini

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 30/08/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: memoria ira linguaggio verbale supporto psicologico gestire la rabbia perdita del controllo rabbia cieca aggressioni fisiche gestire le emozioni

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni