Pubblicità

Perdere le persone importanti [1610807296752]

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 176 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

 

Crazy, 48 anni

domanda

Buonasera,

chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello.

 




consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 




 

risposta

Buongiorno Crazy.

La perdita di una persona cara, a cui si è affezionati, è una di quelle esperienze che nella vita annoveriamo tra gli eventi meno felici.

Diversamente da altre esperienze, come un matrimonio desiderato, la nascita di un figlio desiderato, un lavoro desiderato. Ciò che rende la perdita di un persona cara un'esperienza triste o dolorosa è che questa esperienza non l'avremmo desiderata, e nel suo caso trattandosi di due lutti ravvicinati forse si aggiunge l'imprevedibilità, il doppio della solitudine, il doppio del distacco fisico, il senso di ingiustizia o iniquità rispetto a situazioni luttuose più prevedibili, più sostenibili per la continuità di vicinanza di altre figure importanti di riferimento.

Non è possibile per nessun lutto di perrsone care impedirsi di attraversare il dolore della perdita. Per natura non vine da ridere alla scomparsa di qualcuno a cui tenimao, mentre ci viene da sorridere gioire ad un matrimonio. Avere dolore per un lutto di qualcuno a cui teniamo significa rispondere a quel lutto in modo coerente, almeno per un po'. Sappiamo dalla letteratura psicologica che l'elaborazione di un lutto e del cordoglio ad esso associato impiega normalmente dai 6 mesi ad un anno. Prima si sta "normalmente" male. Certo non tutti reagimao allo stesso modo, c'è chi era preparato all'evento, chi non lo era, chi non accetta e chi lo accetta.

Ma che significa accettare? Riconoscere che la morte sia un evento naturale della vita? NO..perchè si sta male in quanto la cosa è capitata proprio a chi è capitata e non ad un altro.

Significa fare in modo che le cose restino come prima? NO.. qualcosa cambia, qualche abitudine di quelle condivise con la persona mancata può cambiare, possono cambiare alcune scelte di programma, può cambiare talvolta la situazione sociale, economica, ciò che si prepara per pranzo e cena.

Significa farsene una ragione che attine alla nostra impotenza, all'ineluttabilità della vita? PUO' DARSI... ma non accade in una settimana, o solo evitando il dolore.

Accade transitando per diversi stati mentali, lo schock, la negazione, la rabbia, la frustrazione, la compensazione, la compassione, l'amore per ciò che testimonia il passaggio della persona che è dipartita. Solo se ci impediamo di transitare in questi stati mentali o fasi dell'elaborazione del lutto rischiamo di non arrivare all'accettazione, ovvero alla percezione di un senso compiuto delle cose, qualunque esso sia. Ma la vera accettazione che può farla sentire una persona meno angosciata è proprio l'accettazione del dolore che emerge, l'accompagnarlo, riconoscendosi il diritto di averne, la necessità di rispondere al bisogno del momento, piangere se viene da piangere, ad esempio, riconoscendosi il bisogno di non alterare forzatamente lo stato mentale che più riconosceremmo coerente col momento.

Ci si può però attaccare la dolore e al cordoglio più di quanto sembri naturale. Succede qualche volta quando si ha paura di dimenticare una persona che se ne è andata, o di farle un torto se si potesse tornare ad essere sereni. Anche in questo caso il suggerimento è di non forzare, di lasciar fluire.

Nel suo caso eessendo due i lutti e ravvicinati credo un aspetto importante possa essere, oltre che il dolore del distacco, anche l'idea di rimanere sola, senza il conforto delle persone a cui si poteva essere affidata in molte situazioni di disagio o di felicità anche. faccia riferimento allora a come i suoi cari vorrebbero che lei si sentisse e continuasse a sentirsi. Non una persona sola, loro probabilmnete non lo vorrebbero, le chiederebbero probabilmente di avere fiducia nei doni che sono statai scambiati finchè erano in vita e che rimangono in eredità.

Se dovesse essere tutto troppo diffciile da non risucire a fluire, a transitare, provi a farsi aiutare da qualche mio collega a lei vicino o da qualcuno che ci sia passato e con cui le farebbe piacere parlare, provi a parlarne come ha fatto scrivendo qui ora.

Spero di averle lasciato qualche parola di conforto e di aiuto, oltre che di aver risposto alla sua domanda.

 

Un caro saluto

Dott.ssa Liuva Capezzani

 

 

pubblicato il 25/1/2021

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni