Pubblicità

Aiuto non riesco a parlare in pubblico

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 873 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Peppone, 46

D

 

 

Salve,

sono un insegnante e padre di famiglia, 3 figlie adolescenti.Da che io ricordi, ho sempre avuto un gran timore a parlare davanti ad una platea di persone, più o meno numerosa; già un piccolo gruppo di persone mi inibisce. Per me parlare in pubblico è sempre più divenuto un incubo.

Anche subendo decisioni non condivise, persone abbastanza misere d'idee e sensibilità, situazioni imbarazzanti, se sono in pubblico, NON riesco a dire niente, le parole mi muoiono in gola, alla sola idea che dovrei e vorrei dire la mia, mi manca il respiro, sudo, il cuore mi batte all'impazzata.

Quando poi sono costretto a parlare tremo, la mia voce si fa flebile, la mente mi si rasetta e tutte le idee, parole che mi ero prefisso di dire, svaniscono, ed anche una semplice domanda, mi manda ancor più in confusione, sentendomi avvampare come un peperone.

In classe, durante le lezioni, mi sento a mio agio, ma non sempre, purtroppo anche lì comincio, talvolta, ad avere "paura" a parlare.

Ho scoperto di essere malato di Parkinson, ma non vorrei nascondermi dietro questo paravento; sì, forse la malattia ha acuito questo mio problema e, perchè no, mi è servita, per me, come giustificativo per non aver fatto o per non aver detto, ma è anche vero che questo atteggiamento me lo porto dietro da molto.

Molte persone si complimentano con me per alcuni lavori da me o anche da me svolti, ma io, imbarazzatissimo, non so mai cos'altro dire oltre ad un semplice grazie. Per esempio, in una delle ultime riunioni di scuola, avrei dovuto esporre un lavoro, che tra l'altro so essere piaciuto, svolto all'interno della mia classe; ebbene, non ce l'ho fatta a prendere la parola.

Chiedo aiuto, anche perchè noto nelle mie figlie che crescono, alcuni segnali che mi portano a pensare che anche loro potrebbero avere i miei stessi problemi, ed io non saprei come aiutarle.

Vi ringrazio per l'opportunità di essermi sfogato, perchè scrivere e dire scrivendo, mi riesce, ma solo così.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Caro Peppone,
Ho letto con attenzione la sua richiesta.

Lei dice di aver sempre avuto problemi a parlare in pubblico e che la situazione si è aggravata col passare degli anni.Le chiedo, quando è iniziata?Cosa le è accaduto subito prima o nell'anno prima che iniziasse a manifestare questi disagi?

Non è nato con questa difficoltà per questo è necessario risalire alla causa per poterla aiutare.

A volte l'origine di una difficoltà attuale si nasconde molto lontana nel passato.

Un terapista abilitato E.M.D.R. potrebbe aiutarla. Può trovare il nominativo di un collega abilitato nei pressi della sua zona di residenza sul sito dell'associazione E.M.D.R. Italia.

Mi dispiace per la sua malattia, e mi auguro che nonostante questa, possa alleviare il suo problema e vivere la sua vita a pieno e senza le limitazioni che questo suo disturbo nel parlare in pubblico, le sta causando da anni.
Cordialmente

 

(A cura della dottoressa Alessandra Carini)

 

Pubblicato in data 06/07/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: paura mente confusione ricordi timore atteggiamento sensibilità

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra l’esperienza vissuta e l’atto del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni