Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia (001229)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 111 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Romina, 32 anni

Salve, a novembre 2004 ho avuto un attacco di panico dovuto al forte stress e preoccupazione per la malattia di mio babbo e problemi con il mio ragazzo..mi sono rivolta subito ad uno psicologo che mi ha aiutata, tutt'ora sono in cura da lui. Non ho più avuto attacchi di panico ma da quel primo e unico mi è rimasta un'ansia generale che mi spaventa e sembra non volere più andare via...ho durante tutta la giornata costrizione alla gola o pesantezza al petto...si alternano questi due sintomi... sempre.
Sono molto demoralizzata, il mio psicologo mi ha detto che ho una leggera depressione e sono spossata... ho paura... paura di non guarire più... non so se continuare la psicoterapia... tante volte quando sono da lui non so cosa dire perchè alla fine le cose sono sempre quelle... e la mia ansia rimane... persiste... non prendo farmaci, solo al bisogno del lexotan..vi prego datemi un consiglio...devo cambiare psicologo? Devo smettere? Si può "guarire" dall'ansia? Perchè sono cose così lunghe? Grazie...

Cara Romina, penso che un tempo minimo sia necessario per conoscersi a fondo e cambiare le situazioni interiori. Situazioni che si sono "costruite" durante tutta la vita dall'infanzia fino ad oggi. Se hai cominciato la terapia a novembre sono trascorsi solo sei mesi, non ti sembrano ancora pochi per decidere di smettere? Di sicuro la psicoterapia è molto utile per uscire da vissuti di ansia e angoscia. Penso che dovresti avere più pazienza e continuare, cercando di esprimere il più possibile le tue emozioni e i tuoi pensieri all'interno del rapporto terapeutico. A volte è importante riuscire a superare delle resistenze a fidarsi del terapeuta e anche di noi stessi perchè fa paura guardarsi dentro e affrontare i propri limiti. Ascoltati e vedi se per caso non stai scappando da qualcosa che ti spaventa.
Comunque ti consiglio di darti del tempo; in realtà, al contrario di ciò che dici, non sono "cose così lunghe" se devi cambiare delle convinzioni e delle decisioni negative che hai preso tanto tempo fa e conservato, confermato, vissuto per 32 anni. Puoi guarire,certo, se lo vuoi.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Area Professionale

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

Le parole della Psicologia

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

News Letters

0
condivisioni