Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia (129191)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 217 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Barbara 26

Inizierei con il sottolineare che la mia è stata ed è una vita serena, non ho mai avuto grandi problemi, sono sempre stata amata, coccolata e desiderata dai miei genitori. Sono laureata in scienze giuridiche, mi mancano due esami e prenderò anche la laurea specialistica in giurisprudenza. Vivo in una bella casa immersa nel verde, ho un fidanzato e nonostante tutto non mi sento felice. Da un pò di tempo a questa parte soffro d'ansia come mai mi fosse capitato prima. Ho crisi di panico frequenti, sono finita per ben 3 volte in ospedale. Io odio sentirmi così. Non mi sento padrona di me stessa. Il bello è che sono anche una persona abbastanza ottimista, troppo e lo sottolineo troppo, sensibile, mi basta poco per commuovermi e per lasciarmi turbata. Ho un attaccamento molto forte con mia madre, quando sono lontana da lei mi sento come se non fossi protetta, se non fossi al sicuro. Fino a qualche anno fa ero l'opposto di ora, passavo molto più tempo fuori casa, ora sono spesso tra le quattro mura domestiche. Un altro motivo che mi mette ansia è il fatto di fare una cosa e pensare già alle prossime che dovrò fare, ciò avviene anche per le cose più banali. Che devo fare?? Io vorrei vivere la mia vita intensamente...non così............in balìa dell'ansia e degli eventi.

Cara Barbara, evidentemente il tuo essere ottimista ti ha in qualche modo protetta dal disturbo…almeno finora. Anche se tu non lo hai colto probabilmente ci sono state delle fonti di stress che hanno in qualche modo modificato il tuo senso di allerta ed in questo modo è iniziato il Panico che poi tende a restare per altri motivi. Come psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, ti dico che il trattamento del disturbo è solitamente molto rapido, 2, massimo 3 mesi…non che si approfondisca poi molto, ma il Panico va via e la persona acquisisce strumenti di “controllo” che può utilizzare per il resto della vita anche in ambiti diversi. TI consiglio quindi di investire questi 2 mesi in una terapia seria e mirata…di modo che tu possa continuare ad essere felice ed a vivere questa vita cui hai dato tanto e che altrettanto può restituirti! A presto!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 15/12/08
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni