Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia (165799)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 230 volte

Ross, 32

D

 

 

Salve vi scrivo per parlarmi del mio problema principale l'ansia, per colpa di questo disturbo vivo costantemente sottopressione, sono sempre agitata, soprattutto sul lavoro, sono una maestra, da pochi anni che insegno, durante il periodo universitario vivevo costantemente in ansia, e credevo che finiti gli studi il mio problema si sarebbe risolto, invece questo non è accaduto. Mi alzo la mattina piena di angoscia perché devo andare al lavoro, la presenza dei colleghi mi tormenta, ho sempre paura di fare tutto male, ed ogni cosa che devo fare in campo lavorativo è motivo di agitazione ed angoscia, non voglio mai andare al lavoro, e quando sono lì mi sento sempre a disagio con le colleghe anche nei momenti in cui non si lavora, infatti evito uscite con i colleghi, perché non sono a mio agio, e pure loro non fanno nulla che mi possa provocare questo,

non so come spiegarvi, mi sento fuori posto, stare con i bambini se pur faticoso mi piace ma il problema subentra quando son con le colleghe mi sento sempre sotto esame non riesco a rilassarmi , prima di andare a scuola sto davvero male mi viene anche da vomitare, poi dato che mi divido in più sedi, più la sede è grande e più sto male, quando è piccola sto meglio, non sono arrivata ad avere  attacchi di panico ( fortunatamente) ma mi sento agitata e angosciata vorrei scappare via ed il vero motivo neppure lo conosco, anche perché in altre situazioni non sono così, sono molto socievole e riesco ad andare d’accordo con tutti , sono tendenzialmente ansiosa ma non mi sento a disagio con nessuno al di fuori del contesto scolastico, vorrei capire il perché di questa mia spiacevole sensazione, perché non ne posso davvero più ho pensato anche di licenziarmi.
Grazie dell'attenzione

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità


R

Gentile Ross, bisognerebbe capire bene la causa della sua ansia, cioè qual è stata la scintilla che ha dato modo di manifestare questo malessere. Lei mi scrive che il suo stato ansioso è presente fin dal periodo universitario, ma occorre capire bene cosa ha dato origine a questo stato. Bisognerebbe anche capire il motivo per cui non si sente a suo agio con i colleghi evitando anche di uscire con loro. Da ciò che mi scrive, il perdurare di questo malessere già dai tempi universitari, la paura di fare tutto male e quindi di essere giudicati, il sentirsi a disagio a scuola e con i colleghi assumendo condotte di evitanti, fino a pensare di licenziarsi, potrebbe far pensare ad un’ansia sociale. Però ciò che le consiglio di fare è seguire una psicoterapia, al fine di individuare la causa della sua ansia ed eliminarla. Un saluto


(Risponde la Dott.ssa Palumbo Potenza Ilaria)

 

Pubblicato in data 31/07/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters