Pubblicità

Ansia (166177)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 288 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sarah, 22


La mia Storia: Salve sono ormai anni che soffro di ansia continua caratterizzata da sintomi fisici, come tachicardia, tremori, dolori vari, che mi hanno portata a rivolgermi a diversi medici senza mai riscontrare nulla di patologico. Ho sempre pensato di riuscire a controllare la cosa, ma ora sembra che questi sintomi stiano prendendo il sopravvento. devo ammettere che sto attraversando un periodo molto stressante tra esami universitari. Forse mi do troppe pressioni, da sempre ho cercato di fare tutto nel migliore dei modi e se non ci riuscivo cadevo nello sconforto totale. La mia vita è caratterizzata da sensi di colpa e sbalzi d'umore, il tutto correlato allo studio che per ora sembra l'unico motivo della mia vita.. Non riesco a fare altro senza sentirmi in colpa perché non sto studiando.. Inoltre è capitato un episodio di gravidanza andata male, che ha influito molto sulla mia vita, probabilmente per le troppe idee che mi ero fatta. Non so se sono stata chiara , ma il problema fondamentale è l'ansia che ormai non mi lascia più via di scampo. Spero di poter ricevere un consiglio. Grazie


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

Gentile Sarah, come hai giustamente citato, la tua sembrerebbe proprio ansia, la quale viene somatizzata e quindi percepita anche a livello corporeo. Ciò che mi chiedo, e se la tua è ambizione personale allo studio o un'ambizione imposta da altri (genitori, amici..). Molte volte, quando l'ambizione è alta il fisico ne risente e tende ad essere accompagnato da uno stato ansioso. E' comunque importante capire che lo studio non è tutto nella vita, sia la mente che il corpo hanno bisogno di svago, attività fisica (palestra, nuoto, bici) e quindi di ulteriori attività extra scolastiche, che possono aiutarti a gestire e calmare la tua ansia. Ti consiglio comunque di avviare un percorso terapeutico nella tua zona, affichè tu possa essere aiutata a superare questo stato di malessere.

 

(Risponde la Dott.ssa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 07/07/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni