Pubblicità

Ansia, attacchi di panico e fobie (107308)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 228 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maria 24

Mi chiamo Maria, ho 24 anni e da 8 anni soffro di ansia e attacchi di panico. Sono arrivata al punto che non ce la faccio più, non riesco a liberarmi da tutto questo... sono stanca di vivere così. Mio padre se ne è andato quando io avevo 9 anni, chiamava solo quando gli serviva qualcosa e solo per prendermi in giro. A giugno di 8 anni fa gli ho chiesto di sparire dalla mia vita, non avevo bisogno di lui. Da quel momento per me è iniziato l'inferno. Una sensazione di soffocamento e vertigini, è iniziata così, era di domenica e stavo studiando. Ho passato tante fasi di ansia, ma ultimamente sto passando la peggiore... ho la fobia di svenire, non voglio rimanere sola in casa, ho le vertigini, il cuore che batte fortissimo, paura di impazzire, non riesco a concentrarmi, sono sempre angosciata, ho paura di guidare e di andare in macchina con gli altri, quando cammino devo appoggiarmi a un muro o a un albero perchè mi sento cadere... Cosa posso fare? Vi prego rispondete non lasciatemi sola..

Cara Maria, la tua testimonianza mi ha molto colpito. La tua è una situazione oggi molto comune fra i giovani: quindi non sei assolutamente l'unica. Gli attacchi di panico sono diventati forse il problema più frequente soprattutto fra i giovani. Gli studi più recenti affermano come la causa scatenante del primo attacco di panico sia uno STRESSOR psicologico (ad esempio una perdita, un lutto, un trauma, o qualcosa vissuto dalla persona negativamente e che porta stress) o fisiologico (abuso di caffeina, tabacco, mariuana, hascisc, alcol ecc.); dopodichè si instaura un vero e proprio circolo vizioso in quanto la persona ha paura che questo strano attacco di ansia torni: la PAURA DELLA PAURA. Poi la persona comincia ad evitare le situazioni che teme, eccoci allora all'agorafobia... Quindi i fattori che alimentano i successivi attacchi di panico si basano su questo circolo vizioso che bisogna rompere per fare in modo che la persona stia bene. Oggi esistono diversi interventi psicologici che consentono di rompere questo circolo vizioso in tempi brevi e che hanno una efficacia molto elevata. Ad esempio una psicoterapia breve comportamentale o cognitiva-comportamentale penso che sarebbe l'ideale. Questo vuol dire che oggi da questa patologia si può guarire in maniera definitiva. “I nostri dubbi sono traditori e ci fanno perdere il bene che potremmo ottenere perché abbiamo paura di tentare" William Shakespeare. Un saluto e buone feste.

(risponde il Dott. Fabio Gherardelli)

Pubblicato in data 04/01/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

News Letters

0
condivisioni