Pubblicità

Ansia di perdere i propri cari (1541582665631)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 693 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoRita, 22

domanda

 

 

Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui.

Il mio ragazzo ha 22 anni è un ragazzo abbastanza problematico, è da un paio di anni che espone a me la sua ansia di perdere i suoi genitori in primo, perché lui è l'ultimo di 4 figli e si porta con i rispettivi fratelli 19, 18 e 14 anni. In questo momento la mamma ha 57 anni ed il padre 62, ed ogni volta mi dice di avere l'ansia di perderli perché sono già adulti lui sei potrà godere ancora per qualche anno, dice che non potranno godersi i suoi futuri figli non li vedranno a sposarsi ecc...

Alle volte la manifesta anche nei miei confronti dicendo che ha paura di perdermi ecc... Ormai è diventata una cosa fissa, non riesce a pensare ad altro, ed io oltre a dargli dei consigli che possono dare tutti, non so come aiutarlo, ma mi dispiace vederlo star male.. non è molto propenso ad andare da uno psicologo, di conseguenza è difficile calmarlo quando sta così e tranquillizzarlo.

Ho bisogno di un vostro consiglio per aiutarlo.

Grazie mille in anticipo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Rita,

ho letto con attenzione la tua lettera nella quale esponi alcune difficoltà del tuo fidanzato, da te definito come “un ragazzo abbastanza problematico”, relative ad una forma di ansia molto elevata di perdere i propri genitori considerati da lui “già adulti”. Spieghi che tale ansia sarebbe dovuta ad una rilevante differenza anagrafica tra il tuo fidanzato ultimogenito e i suoi fratelli molto più grandi di lui. E’ possibile che il fatto di essere cresciuto in un nucleo familiare con un gap generazionale molto ampio con gli altri membri della famiglia senza la possibilità di un confronto tra pari abbia contribuito ad alimentare tale forma di ansia, ma questo è solo un campo ipotetico.

Affermi inoltre che la paura della perdita venga espressa anche nei tuoi confronti e verrebbe così generalizzata anche a figure affettive di pari età.

La paura della morte e della perdita dei propri cari ha un carattere atavico, ancestrale. Tale paura che sembra essere altamente pervasiva e condizionante per il tuo fidanzato, assumendo una connotazione depressiva, meriterebbe un approfondimento con uno psicologo in un percorso di sostegno terapeutico al fine di esplorare e comprenderne le motivazioni sottostanti. E’ noto che la terapia psicologica risulta produttiva ed efficace se colui che è portatore del disagio è motivato in prima persona a chiedere un aiuto e non se viene indotto da altri senza avere una propria personale convinzione interna. Possiamo certamente suggerire l’utilità di fare riferimento ad un professionista laddove ne ravvediamo l’importanza ma non è detto che il nostro suggerimento venga accolto.

Quello su cui potresti fare leva per aiutare il tuo fidanzato, oltre ad offrirgli il tuo sostegno empatico e di ascolto, potrebbe essere contribuire alla riattivazione della sfera dei suoi interessi e passioni personali sostenendo in tal modo un processo di recupero di un normale stato di benessere, antidoto alla paura depressiva della perdita.

Cari auguri per un positivo superamento.

 

Pubblicato il 19/11/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita cari perdere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni