Pubblicità

Ansia da terrorismo (1472508979231)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 784 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoVanessa, 24


D

 

Buongiorno , ho 24 anni e dal 5 agosto circa ho una paura irrefrenabile del terrorismo . Questa paura però non è nei miei confronti ma in quelli della mia "sorellina " che ha 18 anni .

Spiegandomi meglio quest'ansia e questa sanzione si è manifestata prima  di partire per le vacanze estive ed è continuata per tutto il viaggio (con grande disapprovazione di mia madre ). Quando alla fine siamo esplose ci siamo dette di tutto e lei ha concluso con una frase poco felice che è stata più o meno questa : ci sono più possibili terroristi a Torino che qui ( Croazia luogo deciso per le vacanze ).

Adesso che siamo tornate ho realizzato quanto poco manca all'inizio della scuola e che mia sorella tutti i giorni va a scuola proprio a Torino in treno e poi con il pullman .

Ho cominciato a fissarmi e a leggere articoli riguardanti l'argomento e mi sono anche arrivate queste strane sensazioni come di qualcosa di brutto che deve succederle . Adesso sono in piena ansia perché ho letto che ci sono stati dei fermi proprio a Torino per terrorismo .

Cosa posso fare ? Parlarne con i miei è complicato e per ora cerco di dissimulare anche se a volte non mi riesce molto bene . Contate che deve andarci per nove lunghi mesi e io non posso stare così male per tutto questo tempo .

Ho anche perso dei kg. Per leggere questi articoli mi estraneo dal mondo e non riesco ad avere relazioni sociali stabili . A volte se non ci penso passa ma poi torna di nuovo all'attacco . È una situazione orribile come un'angoscia nel petto , un peso enorme .

AIUTO sto diventando pazza !!!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Cara Vanessa,
Le notizie provenienti dai mass media possono talvolta condizionare i processi individuali legati alla gestione dell’ansia e dello stress  e trovano in questo caso un oggetto specifico verso il quale indirizzarsi (idea del terrorismo) che lei stessa sta rafforzando attraverso la continua ricerca di informazioni su Internet.

Nel suo racconto identifica il 5 agosto come la data di inizio della sua paura del terrorismo, data coincidente con la partenza per le vacanze, momento facilmente attivatore delle sue paure legate all’idea del terrorismo.

Indirizza le sue ansie e preoccupazioni verso sua sorella che è più giovane di lei e nei confronti della quale avrà probabilmente maturato un senso di protezione e di accudimento.

Sarebbe importante a questo punto ricondurre il suo elevato stato di ansia e di paura su un terreno di maggiore razionalità. Comunicare all’esterno il suo personale stato di disagio (ad esempio famigliari, amici) potrebbe aiutarla a ridimensionare la portata della sua ansia. Inoltre ascoltare i punti di vista degli altri e cercare un confronto può essere estremamente utile e funzionale a rivedere in un’ottica diversa le proprie convinzioni interne.

Se ne sentisse l’esigenza può sempre fare riferimento ad uno psicologo/psicoterapeuta (tra i professionisti iscritti all’Albo della sua
regione di appartenenza).  
Un caro saluto.
Arianna Grazzini

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 16/11/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni