Pubblicità

ansia di recupero [1604936284126]

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1443 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

sandra, 73 anni

domanda

Sono una donna di una certa età, con un marito che non ho mai amato, ma che nonostante tutto curo perché invalido e allettato. La mia vita è stata sempre presa da momenti buoni e momenti cattivi dove io dovevo fare salti mortali per mandarla avanti.

Ho una figlia sposata che abita in un'altra città, quindi sono sola ad affrontare tutto ciò.

In me ora si sta risvegliando il desiderio di essere amata e compresa, ho due uomini che mi stanno corteggiando uno della mia età e l'altro più giovane. Io sono ancora una bella donna, cerco di curarmi e di essere sempre allegra con gli altri...

Ora il mio pensiero è se è giusto che cerchi di avere uno spicchio di felicità, che in passato non ho mai avuto, o invece di annullarmi nel continuare a curare mio marito...

Non so che decisione prendere per non sentirmi in colpa, se ci sarebbe una colpa.

Se potete darmi un consiglio, ve ne sarei grata.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Buonasera sig. ra Sandra,
ho letto la sua storia, sicuramente non facile da vivere realmente.

Non è facile assistere un marito malato che le richiede continuamente le sue attenzioni e dove ha avuto poco spazio per dedicarsi a se stessa, anche nel poter ricevere affetto e amore.Molto bello sentire la sua energia vitale che le richiede ancora il desiderio di essere amata e di amare.

E' necessario che lei possa seguire il suo cuore, ascoltarlo fino in fonda per capire cosa desidera. Il suo cuore, non solo l'istinto o le sensazioni, riusciranno a farle comprendere come si dovrebbe comportare con questi due uomini e che tipologia di relazione può instaurare.

Non è per niente sbagliato che lei possa crearsi delle amicizie con cui poter organizzare qualcosa per distrarsi un pò, lasciando suo marito custodito da un badante o da qualcuno che si può occupare di lui quando lei è assente in casa.

Le auguro di riappropriarsi della sua vitalità, rispettando il suo cuore e le sue scelte.

Non è mai troppo tardi per vivere, ed anche la sofferenza che ha vissuto per suo marito acquisterà un senso se l'ho fatto per amore nei suoi riguardi e per il rispetto di ciò che rappresenta nella sua vita, non solo come ruolo formale, ma per il valore che ne ha saputo dare lei.
Le auguro tanto bene!
Cordiali saluti

dott.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 10/11/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia coppia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

News Letters

0
condivisioni