Pubblicità

Ansia e attachi di panico (004472)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 254 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simonetta, 18 anni

Salve, io soffro da circa un anno di attacchi di panico...solo che all'inizio non li ho riconosciuti come tali.. pensavo che i sintomi causati dagli attacchi di panico (vertigine, sudorazione, senso di svenimento, affanno, tachicardia..) fossero legati ad un malessere fisico e non psicologico.. (pensavo fossero legati ad una mancanza di ferro nel sangue o cose del genere). Poi lo scorso gennaio navigando in internet e leggendo vari articoli ho capito che si trattava invece di attacchi di panico e da allora ho cominciato a non controllarli più, a non uscire più come una volta a limitare in un certo senso la mia vita..
Vorrei dirle però che io penso che il mio problema sia scaturito da un evento avvenuto appunto l'anno scorso (un furto in casa) che per me è stato un vero e proprio trauma..Io vorrei sapere in che modo potrei superare i miei attacchi di panico visto che non mi sono rivolta ad uno specialista e non credo che lo farò anche perchè la mia famiglia non ne ha le posssibilità...Aspetto la sua risposta...grazie

Cara Simonetta, purtroppo gli attacchi di panico possono portare ad una vera e propria escalation, nel senso che si comincia ad evitare certi luoghi in cui si teme che venga l'attacco di panico per poi evitare altri luoghi ritenuti a rischio. Il circolo vizioso è sempre lo stesso: la paura della paura.
Nella realtà clinica, una distinzione importante in riferimento a questo disturbo è relativa alla rilevazione di quando questo manifesti i suoi momenti critici ossia: se la reazione di panico sia prodotta da situazioni specifiche o se questa può avvenire ovunque e dovunque; nel primo caso, come per esempio nei casi di agorafobia con attacchi di panico o claustrofobia con attacchi di panico, la crisi di paura pervasiva è associata a specifiche situazioni come, ad esempio, il rimanere da soli, l'allontanarsi da luoghi sicuri, l'entrare in luoghi chiusi o trovarsi in mezzo alla folla. Di conseguenza gli attacchi possono essere previsti e le persone tendono ad organizzare la vita sulla base dell'evitamento di tali prevedibili minacciose circostanze.
Nel secondo caso, invece, non esiste possibilità di previsione, l'attacco di panico può avvenire in qualunque circostanza, perciò la persona non ha la possibilità di controllare le situazioni ma è continuamente sotto stress da allerta (come nelle forma più severe di Disturbo da Attacchi di Panico). In tale condizione, ciò che fa scatenare il terrore non è una circostanza esterna ma anche la ben che minima alterazione del proprio organismo, ad esempio un lieve alterarsi del battito cardiaco, una sensazione di non perfetto equilibrio, il sentirsi non perfettamente lucidi, ecc. Di solito queste persone spaventandosi e cercando di voler controllare tali risposte spontanee fisiologiche, finiscono per esacerbarle fino al punto di una vera e propria crisi di panico (infatti è proprio l'eccesso di tentato controllo che fa perdere il controllo ossia proprio tale sforzo di controllo costruisce letteralmente i sintomi che fanno poi perdere il controllo!) A questo punto la persona se possibile tenterà la fuga dalla situazione spaventosa oppure chiederà disperatamente aiuto a qualcuno. Il ripetersi di tale copione mantiene e alimenta la patologia fobica descritta.
Quindi, di solito, se le cause scatenanti il DAP possono essere diverse, multiple e personali, il copione attraverso cui si mantiene tale patologia è spesso un circolo vizioso molto simile in tutti i casi (e quindi simili saranno le "tecniche" e le "strategie" atte a rompere questo vero e proprio circolo vizioso in tutte le persone che presentano tale disturbo). Purtroppo i farmaci, spesso, costituiscono solo un palliativo anche se a volte è vero che possono aiutare la persona a stare bene. ... Spero di averti aiutato a chiarire certi aspetti del disturbo da attacchi di panico. Un saluto.

( risponde il dott. Fabio Gherardelli )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

News Letters

0
condivisioni