Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia e fobia (127199)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 193 volte

Stella 38

Nonostante sia una donna adulta tendo ancora a fare i capricci, a volere primeggiare , a essere egoista e ad avvertire un senso di rivalità perfino nei confronti di mia figlia (10 anni ). Da premettere che sento sempre il costante bisogno di amore e se qualcuno che mi circonda distoglie l'attenzione su di me, penso che non mi vuol più bene. Mi rendo perfettamente conto che con il mio atteggiamento a volte induco all'esasperazione perchè tendo ad esagerare e a fare un dramma anche per un cosa minima , su cui normalmente la gente sorvola. Tutto ciò mi causa ansia, fobia , tachicardia e una morsa che mi attanaglia sempre lo stomaco quando penso di aver ricevuto un torto, non riesco a dormire. Insomma un vero e proprio dramma. Mi convinco costantemente che un soggetto X ce l'abbia sempre con me e sto male per questo. Vivo nella costante paura di essere abbandonata, temo le responsabilità e mi spaventa il fatto di avere due figli in crescita ( 14 e 10 anni ). Attraverso, inoltre, delle fasi in cui sto benissimo, ad altre in cui mi sento un vero straccio, depressa e penso che non ho la forza di tirare avanti. Sono una donna bella, formosa e intelligente, non mi è difficile calamitare l'attenzione altrui e ciò mi fa stare bene perchè stuzzica il mio inguaribile narcisimo. La cosa paradossale è che la gente ritiene che abbia tutte le fortune: ho un marito e due figli che mi adorano, un bel lavoro che faccio con passione, sono bella, ammirata e invidiata da tutti, una bella casa e la famiglia che mi vuole bene. Sono consapevole che si tratta di un disturbo psicologico complicato da cui verso dall'età di 20 anni e penso di non poterne più uscire.

Cara Stella, beh anche se non era complicato direi che 18 anni sono tanti e quindi qualche “vizio” si potrebbe essere insediato in modo un po’ più profondo. Io ti consiglio un lavoro con uno psicologo cognitivo-comportamentale, con il quale prendere di petto i vari aspetti comportamentali (attirare l’attenzione, fare scenate, entrare in competizione, ecc.) ed i pensieri che ne sono direttamente correlati (paura dell’abbandono, bisogno di emergere, ecc.). Anche se il lavoro potrebbe essere lungo e fino a che non hai una diagnosi precisa non lo possiamo sapere, in questo modo potrai iniziare ad avere alcuni risultati che saranno fondamentali per andare avanti. Puoi cercare sul sito gli specialisti regione per regione, fare una ricerca su google o chiedere al tuo medico di base. A presto!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 22/10/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di crescita personale per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters