Pubblicità

Ansia e inadeguatezza (1570737256223)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 132 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Limmy6, 21

domanda

Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e parlo con quasi tutte le persone del mio corso.

Alle medie e i primi anni delle superiori ero più timida ma poi mi sono sbloccata, soprattutto sotto pressione di mia madre, che spesso mi faceva pesare il mio avere pochi amici. È da più di un anno che provo molto spesso un misto di rabbia, profonda tristezza e ansia.

Tralasciando lo stress degli studi, sono ossessionata dall'idea che tutti quelli che mi circondano, le persone con cui parlo e con cui mi frequento, mi trovino una "sfigata", una persona imbarazzante da avere intorno, una di cui si può dire di tutto e di più appena se ne va. Ho avuto ogni tanto piccoli segnali di questa cosa come persone che si bisbigliavano nell'orecchio a bassa voce mentre erano sedute esattamente di fianco a me.

Allo stesso tempo però molti mi sembrano felici di vedermi e mi fanno anche confidenze personali, però il pensiero di essere derisa e disprezzata mi tormenta in continuazione. Ne ho parlato con il mio ragazzo molto spesso e lui dice che non c'è nulla che non va in me, ma so che forse la sua opinione può essere alterata perché mi ama.

Non posso neppure risolvere il problema stando da sola, perché quando sono sola per molte ore cado in una profonda sensazione di solitudine e inutilità. Non so cosa fare e ho paura che niente mi potrà mai aiutare. Con la mia famiglia non ne posso parlare perché verrei derisa o mi direbbero le solite frasi fatte.

Con amici di più vecchia data non mi sento di parlarne perché avrei paura di annoiarli per poi sentirmi dire le solite cose.


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

Carissima Limmy, quando tu dici sfigata, sarebbe opportuno capire tu cosa intendi. La fortuna della propria vita ha un tempo in cui a volte può essere preceduta da eventi non tanto felici o anche di sofferenza. Ciò che conta è il tuo sguardo: come tu ritieni che sia la tua vita. In cosa non ti senti fortunata?

Hai due genitori, non sei orfana, un fidanzato che presumo ti ami e che tu ami. Il resto lo devi ancora costruire con i sacrifici e tanto amore. Ciò in cui tu devi stare molto attenta sono i pensieri negativi e distruttivi che ti possono convincere che la tua vita è priva di valore o di importanza.

Ti suggerisco di iniziare un percorso di Psicoterapia che ti possa sostenere ad affrontare la solitudine e di ricostruire la tua stima infranta forse da alcune ferite procurate dagli altri. Non sempre gli altri vedono ciò che sei, ma la tua opinione di te stessa non dipende soltanto da loro.

Ti auguro di ritrovare un nuovo sguardo con cui guardare la tua vita e la vita degli altri.

Cordiali saluti

Pubblicato in data 15/10/2019

A cura della dottoressa Iolanda Lo Bue

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita inadeguatezza

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni