Pubblicità

Ansia e senso di vergogna (122560)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 275 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 21

Gentile esperta, sono una studentessa di 21 anni. Nonostante la mia vita in questo periodo dovrebbe essere felice e radiosa (mi piace tantissimo quello che studio, ho un fidanzato che adoro e che farebbe di tutto per rendermi felice, ho una famiglia alle spalle che mi sostiene e sto progettando una vacanza stupenda per quando finirò gli esami), una settimana fa circa ho avuto dei pensieri nel dormiveglia, non saprei dire se sognavo o meno, che mi hanno profondamente turbato e da allora non riesco più ad essere serena o a provare interesse per qualsiasi cosa: non riesco a concentrarmi quando studio, non riesco a divertirmi quando esco e non riesco più a prendere sonno. Tutto è iniziato dopo qualche giorno che il mio fratellino, al quale io tengo tantissimo e con il quale ho sempre avuto un rapporto magnifico, è partito per una vacanza. Una sera sono stata assalita dall'ansia che potesse succedergli qualcosa mentre io non c'ero e questa preoccupazione nel "sogno" si è trasformata in qualcosa di diverso, come se provassi un qualche tipo di attrazione nei confronti di mio fratello; come mi sono risvegliata sono stata colta da un senso di vergogna e di disprezzo nei miei confronti che non mi lascia più in pace, anche ora che mio fratello è tornato a casa non riesco più a giocare e a trascorrere il tempo con lui in tranquillità, preferisco evitarlo per paura che quei pensieri orribili mi tornino in mente. Tutto questo è sfociato in una sensazione di malessere che non mi abbandona più e mi sembra esagerato iniziare ad andare da uno psicologo solo per un sogno brutto che ho fatto. Confido in un vostro aiuto per un consiglio che possa aiutarmi a riacquistare la serenità.

Cara Sara, la sensazione di malessere che tu provi è del tutto normale. Un sogno che non rispecchia la realtà può destabilizzare, anche per lunghi periodi, abitudini quotidiane di chi ha fatto quel determinato sogno. Al posto tuo non mi preoccuperei poichè al tuo risveglio hai avuto immediatamente la consapevolezza che nella realtà provare attrazione per tuo fratello non rientra nel concetto di "normalità". Ti consiglio di ricreare un rapporto con tuo fratello in modo graduale, ma se questo periodo di "disinteresse" per la tua vita dovesse continuare, allora, ti consiglio di intraprendere un sostegno psicologico. I miei migliori auguri.

(risponde la Dott.ssa Alessandra Fabriziani)

Pubblicato in data 29/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters

0
condivisioni