Pubblicità

Ansia ed attacchi di panico serali (1446663686282)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 2562 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAnnaC, 26

 

D


Gent.mi dottori,
ho solo 26 anni e mi sento male dentro come se avessi già vissuto una vita.

Considero la mia vera felicità finita a 19 anni, quando mia madre si ammalò di cancro e le cose andarono sempre peggio. Ho vissuto gli anni dell'università rinchiusa in casa a studiare, tra la mia vecchia relazione e gli amici di una vita e la mia famiglia. Fondamentalmente mi sentivo in colpa se uscivo, se facevo una "vita universitaria" ed avevo paura di perdere il mio ex ragazzo che poi alla fine ho perso comunque.

Dopo tanto tempo, l'anno scorso successe che il mio ex ragazzo mi lasciò definitivamente dopo un tradimento (scoperto solo in seguito) e io a poca distanza di tempo ebbi un incidente di macchina devastante. Furono i mesi peggiori della mia vita fin quando qualche mese dopo conobbi il mio attuale ragazzo con cui sto veramente bene anche se mi sono praticamente "incollata"a lui ed alla sua spensieratezza.

Nonostante ciò, riconoscendo le mancanze del vecchio rapporto, le mie mancanze e le sofferenze famigliari, ho cominciato pian piano a rendermi conto della tristezza che mi assale e così, ogni sera quando torno a casa avverto una paura angosciante, un'ansia smisurata. Essa si attenua solo quando 2/3 volte a settimana vado a dormire dal mio ragazzo, mentre il resto della settimana sono uno straccio.

Parto combattiva e piena di convinzioni, mi riduco ad avere una paura immensa la sera. Non so se la paura "serale" sia collegata a qualche evento di cui io non mi rendo conto, so solo che succede intorno all'orario solito di cena.
Potete dirmi se ho effettivamente bisogno di aiuto?

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R


Gentile AnnaC, la situazione negativa vissuta nell’ambito familiare (la scoperta del cancro di sua madre) potrebbe averle alterato l’equilibrio psicofisico che stava vivendo fino a quel momento, recando in lei sconforto, sensi di colpa se appunto avesse vissuto al di fuori delle mura domestiche godendosi la sua libertà e spensieratezza dei suoi giovani anni come la maggior parte dei suoi coetanei. 

Anche le successive situazioni negative come il suo incidente e la fine della sua vecchia relazione, potrebbero aver contribuito, insieme alla scoperta del cancro di sua madre, all’insorgenza del suo malessere.

Questa alterazione pare trovi un attimo di tregua nella sua attuale relazione sentimentale, infatti, come lei sostiene, l’essere “incollata” al suo ragazzo sembrerebbe come se lei cercasse di aggrapparsi ad un’ancora di salvezza e spensieratezza e quindi di vita. Infatti il suo restare nelle mura domestiche le porta un malessere che sembra attenuarsi quando invece va a dormire dal suo ragazzo.

Io le consiglio di intraprendere un percorso psicoterapeutico al fine di alleviare il suo malessere e metabolizzare le situazioni negative. Un saluto.

 

(a cura della Dottoressa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 25/11/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia paura attacchi di panico tradimento cancro incidente

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Sta con me ma ama ancora la su…

Fede.love.23, 47     Sono separata e vivo da sola con 2 figli a carico senza nessun aiuto economico del mio ex marito.Sto con lui da 5 anni ma fi...

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

News Letters

0
condivisioni