Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ansia ed attacchi di panico serali (1446663686282)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1099 volte

le risposte dellespertoAnnaC, 26

 

D


Gent.mi dottori,
ho solo 26 anni e mi sento male dentro come se avessi già vissuto una vita.

Considero la mia vera felicità finita a 19 anni, quando mia madre si ammalò di cancro e le cose andarono sempre peggio. Ho vissuto gli anni dell'università rinchiusa in casa a studiare, tra la mia vecchia relazione e gli amici di una vita e la mia famiglia. Fondamentalmente mi sentivo in colpa se uscivo, se facevo una "vita universitaria" ed avevo paura di perdere il mio ex ragazzo che poi alla fine ho perso comunque.

Dopo tanto tempo, l'anno scorso successe che il mio ex ragazzo mi lasciò definitivamente dopo un tradimento (scoperto solo in seguito) e io a poca distanza di tempo ebbi un incidente di macchina devastante. Furono i mesi peggiori della mia vita fin quando qualche mese dopo conobbi il mio attuale ragazzo con cui sto veramente bene anche se mi sono praticamente "incollata"a lui ed alla sua spensieratezza.

Nonostante ciò, riconoscendo le mancanze del vecchio rapporto, le mie mancanze e le sofferenze famigliari, ho cominciato pian piano a rendermi conto della tristezza che mi assale e così, ogni sera quando torno a casa avverto una paura angosciante, un'ansia smisurata. Essa si attenua solo quando 2/3 volte a settimana vado a dormire dal mio ragazzo, mentre il resto della settimana sono uno straccio.

Parto combattiva e piena di convinzioni, mi riduco ad avere una paura immensa la sera. Non so se la paura "serale" sia collegata a qualche evento di cui io non mi rendo conto, so solo che succede intorno all'orario solito di cena.
Potete dirmi se ho effettivamente bisogno di aiuto?

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R


Gentile AnnaC, la situazione negativa vissuta nell’ambito familiare (la scoperta del cancro di sua madre) potrebbe averle alterato l’equilibrio psicofisico che stava vivendo fino a quel momento, recando in lei sconforto, sensi di colpa se appunto avesse vissuto al di fuori delle mura domestiche godendosi la sua libertà e spensieratezza dei suoi giovani anni come la maggior parte dei suoi coetanei. 

Anche le successive situazioni negative come il suo incidente e la fine della sua vecchia relazione, potrebbero aver contribuito, insieme alla scoperta del cancro di sua madre, all’insorgenza del suo malessere.

Questa alterazione pare trovi un attimo di tregua nella sua attuale relazione sentimentale, infatti, come lei sostiene, l’essere “incollata” al suo ragazzo sembrerebbe come se lei cercasse di aggrapparsi ad un’ancora di salvezza e spensieratezza e quindi di vita. Infatti il suo restare nelle mura domestiche le porta un malessere che sembra attenuarsi quando invece va a dormire dal suo ragazzo.

Io le consiglio di intraprendere un percorso psicoterapeutico al fine di alleviare il suo malessere e metabolizzare le situazioni negative. Un saluto.

 

(a cura della Dottoressa Ilaria Palumbo)

 

Pubblicato in data 25/11/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: ansia paura attacchi di panico tradimento cancro incidente

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters