Pubblicità

Ansia, panico, depressione (007632)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 135 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Calogero, 27 anni

Salve,sono un Neolaureato e da Aprile sto svolgendo uno stage.da circa 5 anni soffro di ansia e depressione che mi hanno doagnosticato come "Reattiva".
I primi sintomi sono arrivati con 2 forti attachi di panico che mi hanno portato a consultare uno psichiatra e che successivamente mi hanno portato a lasciare La facolta di Medicina e Chirurgia che stavo frequentando da 2 anni. Ho cominciato una cura con Sereupin che è durata circa tre anni.
A causa di disturbi sessuali sono poi passato all'elopram. Ma mi sono stancato, da circa un anno e mezzo cerco di smettere, sono arrivato ad una goccia ogni 2 giorni, ma adesso stanno ricomparendo i sintomi. Oltre a piangere e a
non voler uscire ho sempre vertigini e sono sempre ansioso.
Le mie paure sono tante. La paura di perdere i miei genitori che vivono lontani da me, la paura che possa succedere qualcosa a mia sorella che studia nella mia stessa città , la mia paura di morire facendo soffrire i miei genitori.
Eppure tutto sembra andar bene. Ho una ragazza che mi adora ma che vive lontana da me, una famiglia che è fiera di me. Io non appena laureato ho trovato uno stage importante.
Nonostante tutto sto davvero male. Vivo in casa con altri ragazzi, e i rapporti non sono dei migliori. Adesso sto cambiando casa nella speranza che qualcosa migliori. Non riesco ad avere il pieno contatto e controllo con il mio corpo. Non riesco a ricordare bene le cose passate, ho sempre confusione in testa. Vi chiedo quale è il percorso che dovrei seguire. Sono anche arrabbiato con me stesso per il fatto di dipendere dai farmaci.
Aiutatemi vi prego.

Caro Calogero, il punto è che una cura solo farmacologica non risolve un disagio psicologico ed emotivo che dipende da fattori più profondi e complessi dei sintomi d'ansia che manifesti.
Probabilmente ti aiutebbe molto di più un percorso psicoterapeutico, in cui poter parlare delle tue ansie, delle insicurezze, della confusione che senti.
Gli attacchi di panico sono il campanellino d'allarme con cui una parte di te t'avverte che ci sono bisogni che non stai ascoltando, dunque è importante che ti fermi un pò con te stesso per chiarire questi segnali e dare un senso alla tua ansia.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni