Pubblicità

Ansia perenne (1462049346314)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1653 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoNina, 24

 

D

 

 

Salve, sono una ragazza di 24 anni.

Da circa due  mesi,in seguito ad uno svenimento, ho una forte ansia che non mi fa  vivere bene.

Ho continui sbandamenti, giramenti di testa, nausea, tachicardia, palpitazioni. Ho la continua paura di svenire di nuovo.

Ho paura a fare la qualsiasi cosa, ho paura di viaggiare anche per brevi  tratti in macchina, ho paura ad andare in casa d'altri e addirittura di  andare a lavorare, tutto questo sempre per il terrore di poter stare  male di nuovo.

Cerco sempre una scusa per evitare di uscire, cosa che tra l'altro sta piano piano rovinando il mio rapporto con il mio ragazzo, dato che lo trascuro a causa di questi miei problemi.

Spesso  soffro anche di una sorta di ansia anticipatoria, quando sono fuori casa  ho spesso dolori allo stomaco, come se dovessi andare in bagno ed ho il  terrore di andare in luoghi dove mi viene difficile raggiungerlo.

Vorrei aggiungere che soffro di cervicale ( ho letto che spesso i due problemi  possono essere correlati).

Spero di ricevere una risposta.
Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

 

 

Cara Nina,
grazie innanzitutto per esserti rivolta alla nostra rubrica  per la tua richiesta di consulto.

Riguardo la descrizione dettagliata che fai dei sintomi fisici legati al tuo attuale stato di ansia, credo che sia opportuno partire da una puntuale distinzione tra i sintomi dovuti ad una causa di natura fisica e i sintomi che afferiscono invece alla sfera psicologica

Ad esempio, hai potuto approfondire con un medico di fiducia i sintomi fisici da te descritti che sono direttamente riconducibili al disturbo della cervicale?

Credo che innanzitutto tale consulto potrebbe rassicurarti nel definire meglio il disturbo nei termini di causa-effetto e dunque nell’intraprendere una terapia efficace per la risoluzione del problema.

Per quanto riguarda il versante psicologico, sarebbe opportuno approfondire insieme ad uno psicoterapeuta quali sono i fattori che hanno favorito il determinarsi di tale livello di ansia, che allo stato attuale ha assunto una connotazione invalidante nella tua vita quotidiana non consentendoti di svolgere serenamente le normali attività.

Potrebbe infatti essere utile capire se lo stato di ansia che è esplosa tutta insieme a seguito dello svenimento, con un rilevante effetto stressorio, era già presente anche se in forma leggera prima che si verificasse tale episodio.

Un percorso psicoterapeutico potrebbe aiutarti a sciogliere le briglie che ti tengono legata all’episodio dello svenimento per contestualizzarlo, “rimpicciolirlo”, ridurre l’ansia ad esso associata e poterti così riappropriare del normale stato di benessere psicofisico, in modo da svolgere di nuovo con serenità le tue attività ed impegni quotidiani.

Nella scelta dello psicoterapeuta ti ricordo che bisogna sempre fare riferimento ai professionisti iscritti all’Albo e che alcuni di loro offrono l’opportunità di un primo colloquio esplorativo gratuito.

Un carissimo augurio per la pronta riappropriazione del tuo stato di benessere.

 

(A cura della Dottoressa Arianna Grazini)

 

Publicato in data 17/05/2016

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: ansia paura palpitazioni nausea terrore svenimento sbandamento effetto stressorio

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

News Letters

0
condivisioni