Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (008508)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 120 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

stella,27 anni

informandomi, ho scoperto di soffrire di veri e propri attacchi di panico. Il mio primo attacco è stato lo scorso giugno. Ero a riposo e improvvisamente ho iniziato a sentirmi malissimo, vertigini, ansia, problemi respiratori, irrigidità delle mani, senso di freddo e oscuramento della vista. + cercavo di resistere e + una forza dentro di me peggiorava lo stato d'animo.
Sono ricorsa all'intervento dell'ambulanza e del pronto soccorso, perchè il formicolio era insopportabile, mostratosi anche a livello delle gambe che non mi faceva camminare. In ospedale, dopo tutti gli atteggiamenti del caso, mi è stato detto che era stress...premetto che ero in procinto di sostenere un esame universitario e che sinceramente non sentivo apparentemente stressante da portarmi a questo. Dopo alcune settimane ne ho avuto un altro...e po altri ancora. L'ultimo è stato lo scorso
sabato,a causa di tensione provocata da un brutto avvenimento in famiglia. é come se non riuscissi a controllare un minimo di tensione...mi sento subito male, anche a livello cardiaco, ho delle accelerazioni e affanni. Ho parlato di ciò in famiglia, ma minimizzano tutti e non so cosa fare.
Tutto questo è iniziato precisamente lo scorso anno, con la morte di mio nonno, a cui ero legatissima. Da allora non riesco + a vivere bene...vorrei qualche consiglio al riguardo e soprattutto come si può guarire da tutto questo...arriva tutto all'improvviso e non ce la faccio a controllare la situazione, anzi + ci provo e più peggioro. Non voglio prendere alcun antidepressivo, non mi sembra che a 27anni ne abbia bisogno perchè poi nella vita di tutti i giorni vivo tranquillamente a parte questi attacchi. Vi ringrazio anticipatamente se mi risponderete. Saluti

Cara Stella, non è proprio il caso che tu prenda antidepressivi o psicofarmaci di altro genere. Piuttosto potrebbe essere il caso che tu inizi un percorso psicoterapeutico per capire cosa stia succedendo al tuo interno e dare un senso a questi segnali d'allarme che il tuo corpo e la tua psiche stanno lanciando.
Gli attacchi di panico si manifestano certamente in seguito a situazioni stressanti, ma soprattutto sono segnali di qualcosa che ha fatto corto circuito all'interno di noi stessi. E generalmente sono causati da un accumulo, nel tempo, di emozioni non espresse, tenute soffocate, represse. Fintanto che, come un palloncino riempito eccessivamente d'aria, il nostro inconscio scoppia, facendo uscire alla rinfusa le paure, i conflitti, la tristezza e quant'altro avevamo tenuto sotto chiave.In altre parole, causando l'attacco di panico.
Dunque, quando succede questo, è buona cosa andare a vedere perchè e cosa abbiamo taciuto o voluto non sentire. Hai fatto bene a parlarne in famiglia, è sempre bene non nascondere i momenti di disagio; ma per risolverli è bene che tu approfondisca la tua ricerca attraverso una psicoterapia.

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di Paure/Fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori ...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters

0
condivisioni