Pubblicità

Attacchi di panico (010778)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 189 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Michela,27 anni

Gentile psicoterapeuta,
io soffro da diversi anni di un disturbo drammatico che prende il nome di attacchi di panico, ansia generalizzata e fobie.
Il mio dramma è iniziato all'improvviso e da allora non c'è giorno che io trascorra senza pensare alla mia malattia che per molti è una mia fissazione. Per un periodo ho preso dei farmaci, ma poi una brava psicologa mi ha consigliato di provare a vivere la mia ansia e ad accettare la sua presenza nella mia vita senza tentare assolutamente di combatterla. E così sto facendo, gli attacchi arrivano la notte prima di addormentarmi, il cuore arriva a pulsare 180 battiti al minuto,sento un freddo che mi fa tremare nonostante sia sotto le coperte, un formicolio mi intorpidisce il corpo e sento la testa vuota, priva di controllo. Aspetto con terrore immobile ripetendo che passerà, che si tratta solo di ansia e che non accadrà nulla di più ma in quei momenti ho paura di perdere il controllo, di impazzire, di poter addiritura arrivare a fare del male alla mia piccola bambina di due anni. Poi stremata prendo sonno e vivo la mia giornata nella paura che quella sensazione orribile torni. Volevo chiederle se faccio bene a non prendere farmaci e se peggiorando potrei essere un pericolo per i miei famigliari. Grazie, Michela

Cara Michela, se sei in cura da una psicologa, e perdipiù brava, come dici, penso che ti possa fidare. Io concordo con lei sulla sospensione dei farmaci e sul consiglio di vivere la tua ansia. Credo sia la strada giusta per affrontare e vincere le tue paure. Tieni conto che gli attacchi di panico sono causati da un'abitudine malsana all'eccessivo contenimento emotivo. Le persone che ne soffrono sono abituate, generalmente fin da bambine, a controllare eccessivamente le proprie emozioni (in particolare quelle legate all'aggressività, alla paura, alla tristezza....insomma, quelle con connotazioni "negative"), reprimendole, nascondendole. Facendo questo a lungo andare si crea un'eccesso di tensione interna, che prima o poi "scoppia" generando l'attacco di panico. In effetti l'attacco di panico è un modo che ha il nostro sistema interno di tentare di ristabilire un equilibrio, dunque da un punto di vista omeostatico è sano, è una necessità della nostra psiche e del nostro corpo. Il farmaco agisce soffocandolo, dunque agisce nello stesso senso che la persona ha utilizzato nel corso degli anni verso i propri stati emotivi: reprimendo. Per questo non serve a risolvere il problema reale, ovvero capire quali siano i motivi delle proprie paure e delle proprie angoscie dando loro voce, bensì funge da paliativo.
Prosegui il lavoro iniziato con la tua psicologa che è l'unico vero modo di affrontare seriamente il problema. Vedrai che non potrai che migliorare. E non avere fretta, la psiche ha tempi lunghi, e a volte per "guarire" si può passare anche attraverso momentanei peggioramenti. Non ti spaventare se questo accade, ma cerca di capire e di guardare in faccia i tuoi fantasmi.

( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure / fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni