Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (062540)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 102 volte

Erika 20 anni, 01.03.2003

Mi chiamo Erika,ho 20 anni ed è da diverso tempo ormai che soffro di disturbo da attacchi di panico il che sta limitando fortemente le mie azioni quotidiane. Premetto che sono studentessa e che amo quello che faccio,ho un buon rapporto con me stessa,sono molto solare ed ho un carattere molto forte.Non starò a prolungarmi chiedendovi il perchè di questi attacchi perchè ci vorrebbero ore per parlare della mia situazione familiare che non è delle migliori.Ciò che mi interessa veramente sapere è come poterli combattere dato che come ho detto prima la cosa sta diventando seria.Inizio a sentirmi male se sto nelle metro,tra la folla,negli ascensori nei quali ormai già da diversi anni non entro più,sto male se all'Università devo seguire dei corsi in un'aula piccola ed ho anche paura di affacciarmi dai luoghi elevati.Tutto questo va avanti ormai da quasi un anno ma sono sempre stata un pò ansiosa,lo siamo tutti nella mia famiglia ma ripeto non sono una persona paurosa.Sono arrivata a pensare che forse questi miei attacchi soprattutto nei luoghi affollati sono da mettere in relazione con la poca libertà che mi è data dai miei,dal loro starmi"addosso"in continuazione e dall'instabile vita fatta di continui spostamenti che mi hanno costretto a vivere sin da bambina.Lei cosa mi consiglia di fare?premetto che non ho la disponibilità economica per permettermi una seria terapia.Come dovrei affrontare il problema? Grazie per la sua attenzione.

Cara Erika, anche se non hai la disponibilità economica per una psicoterapia privata, vorrei portarti a conoscenza del fatto che esistono dei servizi gratuiti, con un ticket minimo, presso le Aziende Sanitarie Locali: presso il Consultorio c'è un servizio di psicologia dove puoi chiedere un appuntamento con lo psicologo. Premesso questo, sono certa che ti sarebbe utile parlare con un esperto per entrare in contatto con quella parte di te che sta male e lo manifesta con questi sintomi. Gli attacchi di panico nascono da un mancato ascolto di alcuni bisogni, pensieri ed emozioni, un far finta di niente che prima o poi scatena l'ansia che viene spostata su situazioni esterne, come nella claustrofobia. Spesso basterebbe conoscersi un pò più a fondo per uscire da questo disagio. Il mio consiglio è, a parte quello di vedere uno psicologo, di focalizzare la tua attenzione sul "senso" che questi episodi manifestano, cioè cosa significano per te, quale messaggio è nascosto sotto e ti stai mandando. Potresti per esempio fare una tabella in cui scrivere:
1) la situazione che ti crea angoscia (dove sei, con chi)
2) tutti i pensieri che fai
3)le sensazioni e le emozioni che manifesti
4) i tuoi comportamenti (cioè cosa fai premesso tutto il resto); a questo punto prova a vedere se ci sono delle coincidenze tra i vari punti, in varie situazioni.
Forse il senso di costrizione che tu hai individuato può avere un senso, ma come mai lo metti in altre situazioni? Cosa fai con i tuoi?
Sottostai al loro controllo o ti ribelli?
Credo che questo sia un argomento che dovresti approfondire.
Ciao.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters