Pubblicità

Attacchi di panico (062899)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 220 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Antonella 30 anni, 18.03.2003

Sono una studentessa fuoricorso. Dopo aver superato brillantemente 4 anni del corso di laurea mi sono bloccata e non riesco a dare più esami.
Non riesco più a studiare. Quando incomincio a studiare un esame incomincio già ad avere paura e cerco di vincere questa paura anticipatoria in tutti i modi...facendo di tutto fuorché studiare....
Mi ritrovo così alle soglie dell'esame senza aver preparato niente e quindi non vado a farlo ripromettendomi di farlo all'appello successivo...ma puntualmente mi ritrovo mio malgrado nella stessa situazione.
Ci sono degli eventi chiave che forse mi hanno portato a tale comportamento...quando ancora davo esami, senza problemi, durante un esame che non superai seppi che mentre io davo l'esame il mio ragazzo di allora (una storia importante-per me- con una persona che si è presa solo gioco di me, che mi ha usata e umiliata ecc) era uscito con una con cui poi ebbe una relazione...e ancora...
Diedi un esame in una materia, dove avevo fatto dei seminari, ed non lo superai e il professore in capo, che mi conosceva, mi disse...ma lei non si vergogna!!!!...
Ora si aggiunge a tutto ciò che ho disturbi del comportamento alimentare (bed) e che sono cresciuta fino a 110 kg...e quindi mi vergogno anche per l'aspetto fisico...voglio dimagrire e finire l'università...aiutatemi...vi prego...ovviamente mi vergogno per entrambe le cose come un cane....grazie

Cara Antonella, i problemi che hai in ambito universitario ed in ambito fisico sono lo specchio, con tutta probabilità, dei problemi che hai con la tua immagine interna, che consideri incapace, inadeguata, brutta anche …
Insomma, per dirla in breve, si tratta di insicurezze, di svalutazione di te stessa, disistima; ma anche di incertezza, direi, rispetto alla tua identità.
Naturalmente gli eventi chiave di cui parli hanno probabilmente acuito le sensazioni negative su di te, avendo colpito proprio i tuoi punti più dolenti e scoperti.
Non credo abbiano determinato il tuo stato d’animo e il tuo blocco, ma certo devono aver influito. Un tradimento è una ferita profondissima inferta al senso di sé, alla propria sicurezza, al proprio valore.
E chi è già sofferente in questi ambiti, rischia di soccombere. Altrettanto può fare un commento come quello del tuo prof.che colpisce proprio sull’autostima.
Credo, Antonella, che tu debba iniziare ad accettare il confronto con te stessa, e scavare, oltre e più in profondità dell’immagine negativa che ti sei cucita addosso.
Emozioni, sentimenti, legami irrisolti, rabbia, paura, delusione, desideri ….devi trovare il contatto con quanto di più vero c’è in te, nascosto magari sotto quei chili di troppo che, nonostante tutto, comunque non riescono a non far trapelare la voce di un’anima che chiede di essere ascoltata e considerata.
Un blocco, come il tuo negli esami, è un segnale da prendere in considerazione, così come lo è un disturbo alimentare: devi fermarti e girare lo sguardo verso di te, dentro di te, perché è lì che si annidano i tuoi problemi e che puoi trovare la soluzione.
Ti consiglio di cercare l’aiuto di uno psicoterapeuta per fare questo, quantomeno per sbloccare la situazione in modo da interrompere il circuito negativo in cui ti trovi.

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni