Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (080963)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 99 volte

Pamela, 30 anni

Ho trent'anni, convivo, lavoro otto ore al giorno e studio all'università. Da 6 mesi ho attacchi di panico quando vado in luoghi nuovi e chiusi e quando provo sensazioni che mi angosciano o opprimono...mi sento di non respirare. Tutto è cominciato quando ho fatto una Risonanza magnetica in un periodo di forte stress,ho provato disagio a stare bloccata tanto tempo nel macchinario.
Poi ho cominciato a provare panico in ascensore, in casa dovevo aprire la finestra.
Perchè all'improvviso la mia vita è cambiata? non ho mai sofferto di queste cose. Ammetto che ho un lavoro che mi stressa molto e che non mi piace, sono un soggetto nervoso/ansioso,mi sforzo al massimo nello studio (che è la cosa che più amo) e ho vissuto la tristissima esperienza della perdita di mia madre(che adoravo)6 anni fa, mi è rimasto solo mio padre(il resto della famiglia è lontana). Il rapporto di coppia non mi soddisfa pienamente perchè lui è un libero professionista e non lo vedo mai, ma lo amo! La fase acuta è passata,cerco di stressarmi di meno, lavorando e studiando con meno impegno... ora va un pò meglio, ma ancora ho paura. Faccio esercizi di respirazione/rilassamento. Guarirò mai? Può essere stato lo stress o le cause sono altrove?

Cara Pamela, la tua è una situazione oggi molto comune fra i giovani: quindi non sei l'unica. Gli attacchi di panico sono diventati forse il problema più frequente soprattutto fra i giovani. Gli studi più recenti affermano come la causa scatenante del primo attacco di panico sia uno "stressor" psicologico (ad esempio una perdita, un lutto, un trauma, o qualcosa vissuto dalla persona negativamente e che porta stress come il lavoro o il fatto di non avere una relazione troppo soddisfacente) o fisiologico (abuso di caffeina, tabacco, mariuana, hascisc, alcol ecc.); dopodichè si instaura un vero e proprio circolo vizioso in quanto la persona ha paura che questo strano attacco di ansia torni: la "paura della paura".
Quindi i fattori che alimentano i successivi attacchi di panico si basano su questo circolo vizioso che bisogna rompere per fare in modo che la persona stia bene. Oggi esistono diversi interventi psicologici che consentono di rompere questo circolo vizioso in tempi piuttosto brevi e che hanno una efficacia elevata. Questo vuol dire che oggi da questa patologia si può guarire in maniera definitiva. Un saluto

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

News Letters