Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (080963)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 91 volte

Pamela, 30 anni

Ho trent'anni, convivo, lavoro otto ore al giorno e studio all'università. Da 6 mesi ho attacchi di panico quando vado in luoghi nuovi e chiusi e quando provo sensazioni che mi angosciano o opprimono...mi sento di non respirare. Tutto è cominciato quando ho fatto una Risonanza magnetica in un periodo di forte stress,ho provato disagio a stare bloccata tanto tempo nel macchinario.
Poi ho cominciato a provare panico in ascensore, in casa dovevo aprire la finestra.
Perchè all'improvviso la mia vita è cambiata? non ho mai sofferto di queste cose. Ammetto che ho un lavoro che mi stressa molto e che non mi piace, sono un soggetto nervoso/ansioso,mi sforzo al massimo nello studio (che è la cosa che più amo) e ho vissuto la tristissima esperienza della perdita di mia madre(che adoravo)6 anni fa, mi è rimasto solo mio padre(il resto della famiglia è lontana). Il rapporto di coppia non mi soddisfa pienamente perchè lui è un libero professionista e non lo vedo mai, ma lo amo! La fase acuta è passata,cerco di stressarmi di meno, lavorando e studiando con meno impegno... ora va un pò meglio, ma ancora ho paura. Faccio esercizi di respirazione/rilassamento. Guarirò mai? Può essere stato lo stress o le cause sono altrove?

Cara Pamela, la tua è una situazione oggi molto comune fra i giovani: quindi non sei l'unica. Gli attacchi di panico sono diventati forse il problema più frequente soprattutto fra i giovani. Gli studi più recenti affermano come la causa scatenante del primo attacco di panico sia uno "stressor" psicologico (ad esempio una perdita, un lutto, un trauma, o qualcosa vissuto dalla persona negativamente e che porta stress come il lavoro o il fatto di non avere una relazione troppo soddisfacente) o fisiologico (abuso di caffeina, tabacco, mariuana, hascisc, alcol ecc.); dopodichè si instaura un vero e proprio circolo vizioso in quanto la persona ha paura che questo strano attacco di ansia torni: la "paura della paura".
Quindi i fattori che alimentano i successivi attacchi di panico si basano su questo circolo vizioso che bisogna rompere per fare in modo che la persona stia bene. Oggi esistono diversi interventi psicologici che consentono di rompere questo circolo vizioso in tempi piuttosto brevi e che hanno una efficacia elevata. Questo vuol dire che oggi da questa patologia si può guarire in maniera definitiva. Un saluto

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters