Pubblicità

Attacchi di panico (10073)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 173 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Angelo,31 anni

Ciao mi chiamo angelo ho 31 anni e da circa un anno soffro di disturbi di attacchi di panico la causa e' stata una cattiva notizia di salute da parte di un mio zio al quale sono molto legato.Infatti gli e' stata diagnosticata una brutta malattia e gli sono stato io vicino accompagnandolo con la macchina ad uscire un po'e quando andavo in giro con lui avevo paura che da un momento all'altro si sentisse male e da allora ogni volta che esco con la macchina anche se non c'e' lui mi vengono questi attacchi di panico. Sono in cura da 6 mesi da uno pschiatra il quale mi ha dato dei farmaci (frontal gocce e entact compresse) e devo dire che ho avuto veramente dei buoni risultati esco con la macchina tranquillamente cosa che prima non facevo adesso gradualmente la cura mi e' stata sospesa pero'come si sa si ha sempre un po' di paura che ritornino.Il mio medico mi ha dato le gocce casomai mi ritornassero.Ora mi chiedo se c'e' una tecnica per poterli superare nel caso in cui si verificassero senza usare farmaci? E' possibile che si possa svenire quando si verificano? Ha fatto bene il medico a sospendermi la terapia?
La ringrazio per l'attenzione un cordiale saluto

Caro Angelo, la tua è una situazione oggi molto comune. Gli attacchi di panico sono diventati forse il problema più frequente soprattutto fra i giovani. Gli studi più recenti affermano come la causa scatenante del primo attacco di panico sia uno STRESSOR psicologico (ad esempio una perdita, un lutto, un trauma, o qualcosa vissuto dalla persona negativamente e che porta stress) o fisiologico (abuso di caffeina, tabacco, mariuana, hascisc, alcol ecc.); dopodichè si instaura un vero e proprio circolo vizioso in quanto la persona ha paura che questo strano attacco di ansia torni: la PAURA DELLA PAURA. Nella realtà clinica, una distinzione importante in riferimento a questo disturbo è relativa alla rilevazione di quando questo manifesti i suoi momenti critici ossia: se la reazione di panico sia prodotta da situazioni specifiche o se questa può avvenire ovunque e dovunque; nel primo caso, come per esempio nei casi di agorafobia con attacchi di panico o claustrofobia con attacchi di panico, la crisi di paura pervasiva è associata a specifiche situazioni come, ad esempio, il rimanere da soli, l'allontanarsi da luoghi sicuri, l'entrare in luoghi chiusi o trovarsi in mezzo alla folla. Di conseguenza gli attacchi possono essere previsti e le persone tendono ad organizzare la vita sulla base dell'evitamento di tali prevedibili minacciose circostanze.
Nel secondo caso, invece, non esiste possibilità di previsione, l'attacco di panico può avvenire in qualunque circostanza, perciò la persona non ha la possibilità di controllare le situazioni ma è continuamente sotto stress da allerta (come nelle forma più severe di DAP). In tale condizione, ciò che fa scatenare il terrore non è una circostanza esterna ma anche la ben che minima alterazione del proprio organismo, ad esempio un lieve alterarsi del battito cardiaco, una sensazione di non perfetto equilibrio, il sentirsi non perfettamente lucidi, ecc. Di solito queste persone spaventandosi e cercando di voler controllare tali risposte spontanee fisiologiche, finiscono per esacerbarle fino al punto di una vera e propria crisi di panico (infatti è proprio l'eccesso di tentato controllo che fa perdere il controllo ossia proprio tale sforzo di controllo costruisce letteralmente i sintomi che fanno poi perdere il controllo!)A questo punto la persona se possibile tenterà la fuga dalla situazione spaventosa oppure chiederà disperatamente aiuto a qualcuno. Il ripetersi di tale copione mantiene e alimenta la patologia fobica descritta. Quindi, di solito, se le cause scatenanti il DAP possono essere diverse, multiple e personali, il copione attraverso cui si mantiene tale patologia è spesso un circolo vizioso molto simile in tutti i casi (e quindi simili saranno le "tecniche" e le "strategie" atte a romper questo vero e proprio circolo vizioso in tutte le persone che presentano tale disturbo).
Purtroppo i farmaci, spesso, costituiscono solo un palliativo anche se a volte è vero che possono aiutare la persona a stare bene.Infine una precisazione: gli attacchi di panico non possono portare a svenimento, in quanto l'ansia alza la pressione e non l'abbassa. E quando si sviene si sviene perchè la pressione si abbassa troppo e mai perchè si alza!
Spero di averti aiutato a chiarire certi aspetti del disturbo da attacchi di panico. Un saluto

 


( risponde il dott. Fabio Gherardelli)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure / fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni