Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (102327)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 167 volte

Tatiana 27

Buongiorno, le scrivo per avere un'informazione e togliermi ogni dubbio. Soffro di ansia associata ad attacchi di panico da 10 anni, ho fatto cure saltuarie con ansiolitici benzodiazepinici nei momenti di picco che non mi hanno mai definitivamente curato il problema. Con l'arrivo del secondo figlio, sono arrivati allo stremo. L'allattamento, la nuova condizione di stress con due figli piccoli mi hanno portato a un vero e proprio esaurimento con attacchi di panico violenti, molto spesso col rischio di svenimento. Preso atto di ciò il medico di base mi manda dalla psichiatra che mi mette subito in cura con elopram mattina e sera e lorazepam in "aiuto" per il primo mese poi proseguito anche nel secondo. Gli attacchi di panico sono scomparsi insieme all'agorafobia una sola cosa non mi convince. Tutte le mattine, appena apro gli occhi rimanendo ancora sdraiata ho da subito questa sensazione di disagio, sento gli occhi pesanti e la testa in pallone come se mi dovesse venire un capogiro da un momento all'altro. In alcuni casi addirittura tremo come una foglia; questo solo appena sveglia quando mi alzo e prendo i due medicinali passa tutto. A cosa è dovuto?

Ciao Tatiana, la tua reazione al risveglio è molto comune nei disturbi d'ansia. Non è collegata ai farmaci ma ad un fatto inconscio molto semplice: dormendo ci si abbandona, svegliandosi ci si rende conto di essere stati rilassati e quindi vulnerabili. Il risveglio è sempre difficile, ma vedrai che man mano che le tue terapie faranno effetto (io ti consiglierei comunque di associare ai farmaci la psicoterapia) dimenticherai tutte le sensazioni sgradevoli legate all'ansia.

(risponde la Dott.ssa Camilla Ponti)

Pubblicato in data 25/09/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters