Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (103528)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 169 volte

Donatella 47

Non è facile raccontare in poche righe la propria vita e le fasi salienti, quello che posso dire è che soffrivo di attacchi di panico, ma con una psicoterapia durata circa 3 anni sono riuscita a venirne fuori. Tuttavia mi è rimasta sempre un pò di ansia latente. Tutto bene per circa 4/5 anni, poi da due anni invece sono ricaduta nel baratro del DAP. Premetto che nel frattempo mi sono sposata e ho avuto un bimbo e di questo credo di esserne felice, ma ogni tanto mi assale il dubbio che siano proprio queste le cose che mi hanno fatto ricadere. Sono andata di nuovo dalla mia psicologa della quale ho piena fiducia e mi ha dato il Sereupin perchè la situazione era abbastanza grave e soprattutto perchè secondo lei era normale, in quanto ho avuto problemi con una gravidanza persa e altre cose a lei spiegate. Quello che mi fa arrabbiare con me stessa, ma che non posso evitare è che quando smetto di prendere il Sereupin (in questi ultimi due anni ho fatto 2 cure di circa 3 mesi ciascuna) torno a vedere le cose in maniera negativa, a non sopportare più niente e nessuno, quando invece prendo il Sereupin (1 capsula al giorno) vedo tutto più bello e sono felice. Allora il mio pensiero è: "Perchè non prendere per sempre quelle magiche capsule?". Tornare dalla psicologa non lo ritengo ancora utile, in quanto a lei ho già spiegato tutto e non riusciamo a far venire fuori altro.

Cara Donatella, da quanto ho potuto capire da queste poche righe, credo che potrebbero coesistere due distinte condizioni in te che non sono necessariamente collegate: da una parte racconti di avere una sorta di ansia latente nonostante tu abbia superato con successo una storia di attacchi di panico, dall’altra una distimia, ossia uno stato d’umore basso che ti fa vedere il mondo ed il futuro più neri del necessario. Credo che dovresti prima di tutto chiarire questa situazione indipendentemente dal fatto che il farmaco sereupin sia consigliato in entrambe le condizioni cliniche. Ti invito dunque a farti fare una diagnosi precisa ad oggi, per chiarire meglio la tua situazione e per questo puoi rivolgerti anche alla AUSL di riferimento e pagare il ticket solo per il primo colloquio e la diagnosi. Racconti che i problemi sono sorti successivamente al matrimonio ed alla nascita di un bambino che, sebbene di per sé eventi bellissimi che anche tu menzioni come tali, non sono certamente esenti da una bella dose di stress. Certo che potrebbe essere proprio lo stress la causa del riaffacciarsi del Dap ed a sua volta, il ripresentarsi dell’ansia può aver indotto un abbassamento dell’autostima e del tono dell’umore, ma è una possibilità, non una diagnosi. Una volta chiarito questo puoi continuare la cura farmacologica con il sereupin, che è un farmaco antidepressivo molto ben tollerato, ma non per questo è esente da controindicazioni! Per questo ti invito a farlo ma seguita da uno psichiatra che rispetto al medico di base ha una preparazione specialistica ed in continuo aggiornamento. La mia preferenza è però sempre per un trattamento più profondo e quindi anche se per il momento vuoi continuare solo con i farmaci, riprenderei presto in considerazione la psicoterapia. Ti consiglio una cognitivo-comportamentale per il Dap che in pochi mesi ha dimostrato di essere la più efficace ed una cognitiva se si trattasse di un disturbo del tono dell’umore; questa è risultata avere importanti effetti anche in assenza di una concomitante terapia farmacologica.In bocca al lupo!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 29/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters