Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (10654)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 188 volte

Miriam,43 anni

In seguito a un periodo di forte stress(separazione) ho iniziato a soffrire di ipertensione, diagnosticata come ipertensione da stress.Successivamente ho iniziato ad accusare dei disturbi e cioè iniziavo a sentire come un malessere
che stava arrivando finchè un freddo intenso iniziava dalle estremità e saliva repentinamente fino alla testa passando dal cuore mi provocava tachicardia fortissima rialzo di pressione (ovviamente) e la sensazione netta di avere un malore irreversibile in atto.I malesseri si sono sempre presentati con le stesse modalità..sono finita al pronto soccorso almeno cinque volte. Diagnosi: attacchi di panico. Ho iniziato una terapia farmacologica e una psicologica. Per circa un paio di anni le cose sono andate discretamente anche se ho sempre vissuto con la sensazione di vivere un equilibrio molto instabile.Lo stress ambientale è seguitato e ho tentato di arginarlo andando a vivere in un'altra città piu' a misura d'uomo (vivevo a roma).Le cose sono andate bene ma vivere da sola mi ha acuito la paura.Ora soffro degli stessi disturbi che però si presentano regolarmente la mattina presto (h.4 5) e i
medici non capiscono se la pressione si alza per l'attacco di panico o l'attacco di panico fa alzare la pressione assumendo benzodiazepine la situazione temporaneamente migliora. Ho fatto tutti gli accertamenti diagnostici possibili per individuare una eventuale causa patologica.... nulla. Ora la mia domanda è: possibile che questi attacchi di panico si presentino al mattino verso le stesse ore? Anche in altri momenti ma principalmente al mattino. E poi finiranno un giorno o chi ci convive è
costretto a farlo tutta la vita e assumere antidepressivi perennemente per andare aventi? Grazie

Cara Miriam, intanto non ho ben capito se lei sta continuando con la psicoterapia o ha terminato.
Glielo chiedo perchè, come immagino che lei sappia avendo già fatto psicotarapia, la sola cura farmacologica non basta per fermare gli attacchi di panico. Per rispondere alla sua domanda il presentarsi degli attacchi di panico sempre agli stessi orari potrebbe essere anche causato dal fatto che lei si aspetta che a quell'ora arrivino e proprio lo stare in ansia per l'eventualità che ciò possa accadere la rende fragile e pronta a subire un nuovo attacco di panico. Sembra paradossale ma è così, la paura che possa accadere predispone il nostro corpo, il nostro organismo a subire degli attacchi di panico. Per quanto riguarda, invece, la sua ultima domanda le dico che nel caso avesse interrotto deve riprendere la psicoterapia. Probabilmente quanto è riuscita a capire in precedenza, il fatto che stava un pò meglio non sono evidentemente bastati.Quando la terapia avrà compiuto
tutti i suoi effetti sicuramente non avrà neanche più bisogno di assumere farmaci.
In bocca al lupo.

 

( risponde la dott.ssa Anna Maria Casale )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure / fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il termine per i...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

News Letters