Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (11282)

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 116 volte

Daniela,41 anni

Buon giorno, mi chiamo daniela e ho 41 anni. Dall'età di 18 anni soffro di attacchi di panico, prima mai diagnosticati e poi curati con psicofarmaci e diversi trattamenti psicoterapeutici ma con scarsi risultati per più di 10 anni.
Tre anni fa, dopo la separazione da mio marito, ho iniziato a stare meglio. Sembrava che gli attacchi fossero spariti. Per un anno ho vissuto una gioia immensa senza questo incubo, mi sentivo un'altra persona, e forse lo ero realmente. Ora piano piano ogni tanto in forma lieve ricompaiono questi attacchi. Ma la mia paura più grande è quella di andare in vacanza. Prima per motivi finanziari non ho potuto permettermelo, ora perchè ho una paura folle di affrontarla. Ora vorrei andare in montagna a sciare, cosa che mi piace fare, ma ogni volta che tento di pensarci, mi sento soffocare, mi viene nausea, insomma ho paura!!! Cosa devo fare? Voglio affrontare questo mio disagio, ma non ci riesco. Ho provato a muovermi qualche volta: risultato un bell'attacco di panico al massimo. E non se ne parla nemmeno di riprovarci in queste condizioni. Premetto che sono tutt'ora in cura da uno psichiatra il quale mi ha consigliato di prendere dei calmanti per un paio di giorni prima della partenza e per la durata della vacanza. Ma ho una paura folle lo stesso. E non funziona molto! Vi prego di darmi un consiglio su cosa fare. Viaggiare è per me una delle più belle cose della vita e mi manca tanto!
Ringrazio vivamente e porgo cordiali saluti.

Cara Daniela, spesso questo tipo di disagio colpisce persone emotivamente molto sensibili.
Capita di trovarci di fronte a eventi stressanti o post traumatici per attivare tutta una serie di circoli viziosi. Dalla descrizione che mi hai fatto siamo di fronte ad un tipico DAP. (Attacco di panico). Generalmente si tende a controllare le situazione che ci circondano, rimuginaresul futuro o sul passato. Paura di poter perdere il controllo, spesso orientati alla realtà esterna per paura. Si viene a generare spesso un circolo vizioso condizionato che ti porterà successivamente a sviluppare quella che è definita paura della paura.
Si tende spesso ad evitare la situazione temuta, o ad affrontarla coraggiosamente ma con la stessa metodolofia di paurae controllo. Tutto ciò porta ad un fallimento. La respirazione diventa estremamente veloce così da apportare maggior ossigeno conle conseguenza di vertigini etc. La paura di poter stare male, compresi i tuoi pensieri catastrofici enfatizza tutto il resto. Pensare di non riuscirci, comporta una mancanza di motivazione nei propri mezzi. Impara ad ascoltare le tue risposte fisiologiche, non passare il resto del tuo tempo a rimuginare sui problemi. Se vuoi uscire dai tuoi problemi dovrai affrontarli gradualmente in modo spontaneo, attraverso prospettive differenti non con la tua classica metodologia. Nelle parole di William Shakespeare"I nostri dubbi sono traditori e ci fanno perdere il bene che potremmo ottenere perché abbiamo paura di tentare". Un saluto

 

( risponde il dott. Fabio Gherardelli )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure / fobbie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters