Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Attacchi di panico (165342)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 238 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina, 33 (165342)

 
 

La mia Storia: Buongiorno,
scrivo perché ieri penso di aver avuto un attacca di panico come non avevo più avuto da 5 anni. Riassumendo velocemente 5 anni fa una notte ha questo forte attacco di panico seguito da un ansia fortissima che dura per circa 15 giorni, a tal punto da non alzarmi dal letto e non voler uscire. Da li vengo curata con Alprazolan e citalopram fino all'agosto 2013, momento in cui partorisco la mia seconda bambina.
Ora da circa tre mesi comincia ad aumentarmi di nuovo l'ansia, mi sento negativa ed agitata. Ho preso la decisione perciò di andare da una psicoterapeuta e di affiancare la psicoterapia con stiliden (medicinale prescrittomi dalla dottoressa che posso utilizzare pur allattando).
Ora sono 2 mesi che vedo la psicoterapeuta e 20 giorni che ho cominciato lo stiliden e ieri sera mentre ero sul divano tranquillamente a vedere un film sento che mi sale l'agitazione e poi cominciano a tremare le gambe e le braccia, mi battono i denti tremo tutta e mi si contraggono tutti i muscoli.
Quello che mi chiedo è: è possibile che tutto questo sia un attacco di panico o almeno un inizio? Ed è possibile che succeda anche se ormai sono 20 giorni che prendo il medicinale?
Ho già preso appuntamento dalla dottoressa per domani ma volevo avere un vostro parere?
Grazie

 

 

 

Gentile Valentina, i disturbi di ansia sono caratterizzati dai sintomi da lei descritti, nell'attacco di panico secondo il DSM IV i sintomi sono quattro o più tra i seguenti:

- palpitazioni, cardiopalmo, o tachicardia;
- sudorazione;
- tremori fini o a grandi scosse;
- dispnea o sensazione di soffocamento;
- sensazione di asfissia;
- dolore o fastidio al petto;
- nausea o disturbi addominali;
- sensazioni di sbandamento, di instabilità, di testa leggera o di svenimento;
- derealizzazione (sensazione di irrealtà) o depersonalizzazione (essere distaccati da sé stessi);
- paura di perdere il controllo o di impazzire;
- paura di morire;
- parestesie (sensazioni di torpore o di formicolio);
- brividi o vampate di calore.
avendo iniziato da poco una psicoterapia ed essendo questa un forte attivatore che potrebbe averle smosso un conflitto profondo a cui non è facile dare risoluzione, deve considerare l' ipotesi di un movimento ti tale entità. Certe volte i sintomi sono funzionali per dei movimenti che spingono al cambiamento.non si spaventi e vada avanti con forza.buon lavoro su di se.
Drssa Luisa Bonomi


(Risponde la dott.ss Luisa Bonomi)

 

Pubblicato in data 28/11/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

News Letters

0
condivisioni