Pubblicità

Attacchi di panico (2328)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 139 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Patrizia, 47 anni

Gentile professore, mi rivolgo a Lei per avere un aiuto su come superare degli attacchi di panico. Anni fa ho gia' avuto questo problema e con l'aiuto di una psicologa e di sedute di training autogeno sono riuscita a superare la cosa e se ogni tanto mi si ripresentava il problema (non essendo attacchi molto forti) sono sempre riuscita a reagire alla cosa.
Lo scorso giugno ho avuto un attacco, non fortissimo, ed ho voluto accompagnare da sola mia figlia in un paese distante pochi km dal mio ,quando mi sono trovata sola in auto per fare ritorno ho avuto un attacco di panico violentissimo, tanto che per tutto il tragitto ho tenuto accese le quattro frecce perche' credevo di morire. Da quel momento non sono piu' riuscita ad usare l'auto e ho sempre piu' ridotto le uscite da casa tanto che ora esco una due volte la settimana solo con mia figlia e che anche queste uscite sono per me molto pesanti e nel circondario di casa evitando negozi o posti con gente.
Le volte precedenti che ho avuto questi problemi sono stata costretta ad una mia reazione pur stando malissimo perche' avevo e tre bambini tutti piccoli, ora invece loro sono cresciuti ed io mi sono appoggiata a loro (specialmente alla mia prima figlia 20 anni) e la mia forza di volonta' si e' fatta sempre piu' debole. Desidererei che Lei ,mi desse un consiglio, una parola per farmi trovare l'input per tornare a vivere una vita famigliare normale senza dover negare sempre ai miei figli o a mio marito l'uscire con loro a fare spese o fare una passeggiata. La prego se puo' mi dica (senza dover ricorrere di nuovo ad uno psicologo) come posso vincere questa situazione. Ringraziando per il tempo dedicatomi. Cordiali saluti.

Cara Patrizia, come mai non vuoi far ricorso ad uno psicologo se ti è stato così utile a suo tempo? Da quel che scrivi è chiaro che hai bisogno di un sostegno psicologico per "uscire" da questa situazione che sembra non avere sbocchi. In realtà lo sbocco sta nel porre attenzione su te stessa e sui tuoi bisogni emotivi, cercando di rafforzare la fiducia in te stessa e quella forza di volontà che manca per camminare da sola per la strada.
Forse ancora una volta dovresti cercare aiuto pensando ai tuoi figli, perché credo che la figlia a cui t'appoggi potrebbe risentire di questo peso e non riuscire a sostenerlo. A volte il coraggio sta nell'ammettere di sentirsi deboli e di aver bisogno dell'altro. Purtroppo (o fortunatamente!) nella psicologia non ci sono ricette standard per ognuno. Tu sei un essere particolare, unico e necessiti di un'attenzione speciale che forse non sai darti da sola. Il mio consiglio è di rivolgerti ad uno specialista, come atto di rispetto e d'amore per te stessa.

( risponde la dott.ssa Raffaella Luciani )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di ansia/stress per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni